#1 Van Gogh

L’incredibile fortuna posseduta da Van Gogh riesce ancora oggi a meravigliare in egual misura sia i profani che gli intenditori d’arte. Figliodi un pastore calvinista del Bramante, che in  vita ottenne scarso successo in quasi tutte le attività intraprese.
Tipico esempio di persona tenace che a dispettodi ogni conflitto interiore e di ogni avversità esterna, tiene fede ai propri obiettivi. Van Gogh è diventato un modello senza confronti.
Non vi è al mondo altro posto posto come i Paesi Bassi per ammirare il piu vasfo numero fi opere d’arte dell’artista olandese.
Al Van Gogh Museum di Amsterdam con i sui circa 200 dipinti e il Kröller-Müller Museum di Otterlo, che ne conta un centinaio riuniscono da soli un terzo dell’opera di Vincent Van Gogh.

Fin da ragazzo Van Gogh era solito collezionare riviste riviste illustrate dalle qhali ritagliava incisioni che poi inccollava in album. In quanto collezionista di riviste, mercante d’arte, assiduo frequentatore di musei e lettore di biografie, era un grandissimo conoscitore della storia dell’arte. Le sue straordinarie creazioni possono quindi a  uon diritto essere messe in rapporto alla tradizione artistica del passato.… Read More #1 Van Gogh

Annunci

A Dergano, quartiere di Milano……

….. c’è un laboratorio di ceramiche dove, dalle sapienti mani di Stefano Puzzo, prendono vita le “pedine di calcio” che sono diventate famose in tutto il mondo.

Stefano è figlio d’arte ed insieme all’intera famiglia lavora nel laboratorio che si trova in Via Caianello 1 a Milano.

In questo laboratorio si producono diversi tipi di ceramica, a pezzi unici o a stampo, lavori al tornio e sculture in argilla, con procedimenti del tutto artigianali.

Ogni pezzo è rifinito e dipinto a mano alla faccia della Milano industriale.
Read More A Dergano, quartiere di Milano……

La leggenda del Cavallino Rampante ENZO FERRARI

il 14 agosto 1988 moriva a Modena Enzo Ferrari, un uomo spregiudicato, con una forte personalità e un grande intuito manageriale. Un personaggio mitico, innovatore e per certi versi rivoluzionario, che i giovani con meno di 30 ani probabilmente conoscono appena.

Quando nel 1988 Enzo Ferrari all’età di 95 anni viene a meno, il mondo era molto diverso da oggi, anche la Ferrari era tutta un’altra cosa, ancora avvolta dalla presenza del suo fondatore e condizionata dalla sua personalità. Persino il paese di maranello era molto diverso da quel luna park che è diventato oggi. Il rischio di dimenticare è concreto e la voglia di mantenere vivo il il ricordo di un mito si affievolisce di anno in anno.

Un tempo Galleria Ferrari oggi Museo Ferrari che a differenza del Museo di Modena racconta la storia di Enzo Ferrari alla Ferrari, attraverso alcune delle sue auto più prestigiose, tra cui le monoposto di F1 dal 1999 a oggi. Altre aree sono dedicate alle mostre temporanee. All’interno c’è anche una rara riproduzione dell’ufficio di Enzo Ferrari, con la statua del Drake in cera.… Read More La leggenda del Cavallino Rampante ENZO FERRARI

Swarovski: celebrating a history of collaborations in Fashion, Jewelry, Performance and Design

Nelle vicinanze di Innsbruck, la capitale della regione austriaca del Tirolo, nel comune di Wattens, è situata la fabbrica Swarovski dove da più di 120 anni si lavora il cristallo artigianalmente producendo manufatti alta qualità.

La continua innovazione tecnologica e operazioni di marketing pregevoli hanno reso Swarovski il leader mondiale nel taglio del cristallo e nella fashion jewerly.

I prodotti hanno innegabilmente un loro stile distintivo e una una qualità superiore riconosciuta in tutto il mondo.

Tutto ciò è stato possibile anche per la collaborazione con una rete mondiale di designer, artisti, distributori e partner commerciali.

In occasione del 120° compleanno di Svarovski è stato pubblicato il libro edito da Rizzoli “Swarovski: celebrating a history of collaborations in Fashion, Jewelry, Performance and Design” un volume iconografico che ripercorre i 120 anni creativi di questo brand.… Read More Swarovski: celebrating a history of collaborations in Fashion, Jewelry, Performance and Design

#2 Klee gli anni a Monaco

Klee cominciò a prendere regolari lezioni di violini fino ad essere accettato nel 1890, dell’orchestra municipale di Berna. La figliarità, la passione per la musica e la e la perfetta conoscenza dei processi compositivi sono una tra le chiavi d’interpretazione della pittura kleiana.
Contrariamente a quanto Klee afferma nell’autobiografia, la scelta della profesdione fu cauda di continui ripensamenti, tanto che i ln questa ricerca, arriva perfino a sancire la sospensione dei duoi studi lettarari, musicali e figurativi per dedicarsi alla formazione della propria personalità.
A Monaco Klee frequenta la scuola privata di disegno diretta da Ernst Knirr e nell’ottobre del 1900 viene ammesso all’accademia. Scarsa sembra essere su di lui l’influenza diretta delle correnti simboliste e dell’Art Nouveau che erano vicinissime a Monaco in quel periodo e davano vita ad accesi dibattiti e sul rapporto tra colori e statoli d’animo.
D’altra parte Klee in questi anni si dedica prevalentemente al proprio sviluppo interiore con un proceddo di autoanalisi.
Con il viaggio in Italia e con la dolorosa presa di coscienza della distanza ormai invalicabile dell’ideale classico, finiscono per Klee gli anni di apprendistato.
Ritornato a Berna non l 1903 Klee inizia a lavorare a una serie di incisioni, che saranno poi esposte nel 1906 alla Secessione di Monaco.
La sperimentazione di svariate tecniche artistiche e di diversi materiali clndotta in maniera sistematica, diviene una delle componenti fondamentali della sua poetica. La pittura sottovetro imlegna l’artista in un’approfondita ricerca sulla strutturazione formale dell’immagine e sul valore dinamico della luce… Read More #2 Klee gli anni a Monaco

Annarita Vitali, nel mondo dei gioielli vintage

Non conosco personalmente Annarita Vitali, ma per via della mia passione per i gioielli e per il vintage, non ho potuto resistere al fascino delle sue creazioni.

Annarita rileva nel 1998 l’antico magazzino “Furlanetto” di Bologna, fondato nel 1925, con tutti gli antichi materiali e comincia a realizzare delle piccole opere d’arte, pezzi unici, con materiali d’epoca.

Si lascia ispirare dai materiali a disposizione e dalle tematiche legate al gioiello, realizzando gioielli dallo stile inconfondibile, frutto di ricerche approfondite dei periodi e della storia del gioiello.

Adoro il buon gusto di Annarita e la capacità di trasmettere emozioni attraverso le sue creazioni, il suo mondo di gioielli è un mondo di magia.… Read More Annarita Vitali, nel mondo dei gioielli vintage

#2 Dalí alcune curiosità

La sua eccentrica personalità e il suo innegabile narcisismo ne hanno caratterizzato la vita e hanno contribuito a trasformare un grande artista in un mito vivente. Il suo continuo esporsi alla critica e al giudizio del pubblico e il suo mostrarsi come genio assoluto dell’arte, ci hanno dato l’impressione di poter comprendere la sua opera e di poterci addentrare nel suo pensiero.
Ma colui che abbiamo imparato a chiamare semplicemnte Dalí, riconoscendogli ogni follia, è in realtà un’artista complesso e ancora tutto da scoprire, sopratutto attraverso l’immensa produzione.
Dalí era orgoglioso di essere catalano
Se la Catalogna è regina e signora del mondo i catalani sono il sangue della verità
Si distinse subito per la sua personalità indipendente e per il suo spirito autonomo e ribelle all’autorità.
Nel frattempo oltre a suo carattere, si andava formando il suo stile pittorico personale che in questa prima fase traeva esempio dalla pittura impressiosta. I suoi temi preferiti erano dunque le nature morte e il mare.
Nonostante la disapprovazione della famiglia, Dalí continuo a seguire il suo destino di genio.… Read More #2 Dalí alcune curiosità