Modigliani e le lezioni dei grandi

Modigliani si serve scopertamente di modi e forme sottratte al vocabolario di Cezanne. Ma c’è qualcos’altro, ed è qualcosa che contrassegna più a fondo il suo mondo creativo e che meglio ci fa intendere la qualità e profondità con cui Modigliani leggeva la pittura. L’allungamento di certi elementi anatomici, in particolare il collo e le braccia, ma nell’insieme di tutta la figura umana incomincia ad apparire.E’ evidente che lungo questa linea di lettura il caso Modigliani si complica, scaricando il trait d’union semplicistico, in larga parte affermato grazie forse alla facilità dell’assunto. Solo così tuttavia, si può penetrare nelle complessità di un non tradizione, moderno ma non catturato dal suo mito.

Amedeo Modigliani è in realtà un classico: nella stessa accezione per cui consideriamo classici Degas e Cezanne. Come tutti coloro, insomma che cercarono un iperbolico collegamento e una centralità problematica, fra le stazioni della tradizione e della modernità. Una didattica che faceva perno sulla concretezza del linguaggio ma che contemporaneamente lo incaricava do profonde responsavilità

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...