1941-1950 Dopo la parentesi bellica

L’Alta Moda francese conobbe durante la seconda guerra mondiale un periodo di incertezze a causa delle difficoltà nel reperimento dei materiali e per il fatto che i clienti diradarono ovviamente gli acquisti.

Per di più le forze di occupazione straniere tentarono di appropriarsi degli archivi della Chambre Syndicale de la Haute Couture Parisienne per trasferirli a Berlino.

L’abbigliamento seguiva norme rigide: un cappotto o un abito aveva un numero massimo di stoffa destinato per la realizzazione, di conseguenza gli abiti divennero più corti e meno ricchi ed i cappelli venivano realizzati con scampoli di stoffa.

Dopo la guerra, Parigi tornò a essere la capitale mondiale della moda, più precisamente l’anno che segnò la svolta fu il 1945 durante il quale si organizzò il Théâtre de la Mode, una sfilata itinerante costituita da 150 bambole di filo di ferro vestite con abiti realizzati dalle più famose case di moda francesi.

Poco dopo, nel 1947, Christian Dior lanciò la sua prima collezione, denominata “New Look”, nella quale erano scomparse tutte le economie belliche. Dior presentò una collezione di abiti realizzati con tessuti pregiati, molto elegante e sfarzosa.

Dior fu un bravissimo stratega, fu perspicace nel capire le tendenze della moda e comprese il valore della stampa come veicolo pubblicitario.

Ma, mentre la haute couture francese appariva inadeguata alle esigenze del mercato americano, la moda italiana dimostrò di averne le caratteristiche: una lunga tradizione artigianale, garanzia della qualità dei materiali e della confezione, forza lavoro abbondante e a basso costo.

Fu così che l’Italia beneficiò del declino della moda francese e si fece largo anche oltreoceano.

Gli abiti confezionati dalle più importanti sartorie della capitale salite alla ribalta internazionale nel 1947 con la creazione dell’abito nuziale di Lynda Christian sposatasi con Tyron Power, indossati dalle attrici dentro e fuori la scena, fecero del cinema uno dei più efficaci strumenti di promozione della moda italiana.

28852

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...