Pokemon GO la nuova frontiera dei videogiochi oppure… Zombie mania?

Pokemon GO già a pochi giorni dal suo rilascio ufficiale sugli store ha segnato numeri record. Non voglio stare qui a elencare tutte le funzioni ne spiegare la dinamica di gioco, perché sicuramente già le avete fatte vostre, anzi, forse le conoscete meglio di me.

Ho avuto modo di giocare personalmente a Pokemon GO per un paio di giorni e devo dire che il gioco mi ha preso molto. Non ho avuto l’esigenza di cimentarmi per capire come catturare Pokemon, nè ci ho messo molto ad ambientarmi grazie all’interfaccia abbastanza semplice e alla dinamica di gioco molto elementare: in pratica accendi il GPS e la connessione internet, esci di casa e…

… ti ritrovi catapultato in una sorta di film dell’orrore. Sulle spiagge, nei centri urbani, nei centri commerciali, nelle stazioni, negli aeroporti, sui treni, in macchina, in bicicletta, in treno e persino in aereo; tutti giocano a Pokemon GO 😲 e non ci sarebbe niente se a giocarci fossero dei bambini o dei ragazzini, lo stupore arriva quando ti accorgi che sono per il 75% adulti di età compresa fra i 20 e 40 anni, che se ne vanno in giro con lo sguardo concentrato sullo schermo dello smartphone…

… sulla mappa iniziano a comparire i vari Pokemon che possono essere catturati esattamente nello stesso modo in cui venivano catturati nel cartone animato dai mitici personaggi (che specialmente la mia generazione, anni ’90, porta nel cuore) ossia con le poké ball. Lo scopo del gioco (se così vogliamo definirlo) è quello di completare il pokedex con tutti i Pokemon.

… con la speranza di trovare per le strade “o in aria” dei Pokemon rari.

“Essere o non essere” pronunciava dubbioso Amleto

“Follia o non follia” viene spontaneo pronunciare dubbiosi dinanzi ad una scena simile (se è rimasto ancora un po di sale nella zucca)

Ho smesso di giocarci, rimuovendo l’app dallo smartphone (onde evitare spiacevoli ricadute) nel momento in cui mi sono reso conto di essere uno di quegli zombie. Perché il problema reale non è tanto il gioco, che può piacere o meno, ma sono le persone ADULTE che non hanno il tempo e il cervello di capire quando sia il momento di giocare. Questo causa incidenti inutili ed evitabilissimi. Si passa dallo Youtuber trentenne che registra un video mentre guida la sua macchina e gioca a Pokemon GO in tangenziale e che si giustifica con i suoi fan e non fan, nel momento in cui glielo si fa presente, dichiarando che lui lo ha fatto perché era in macchina e guidava nel suo quartiere… AH! si vede che nel suo quartiere (una tangenziale a 2 corsie) non succedono incidenti… Già… Ehm… Si… Ok. Si arriva a quello che invece paga qualcuno al posto suo per farsi catturare i Pokemon

giphy

Il gioco in sè non sarebbe male, ecco lo vedo più adatto ad una fascia d’età compresa tra i 10 e i 15 anni, no di certo adatta ad un adulto, ma non per il gioco, ma per la figura da ebete che si fa per la strada e sopratutto perché si mette a repentaglio la vita degli altri

MA IL DILEMMA RIMANE: “FOLLIA O NON FOLLIA” DIRÀ L’AMLETO DEL 2000

Lascia un commento e di la tua 😉

Annunci

3 pensieri su “Pokemon GO la nuova frontiera dei videogiochi oppure… Zombie mania?

  1. Ho letto qualcosa su questo gioco, tipo una notizia che diceva che c’era gente, a NY, che mollava l’auto in pieno traffico e si fiondava in Central Park per catturare i mostriciattoli.
    La mia giovinezza è stata senza il computer, proprio non c’erano ancora, quella di mia figlia senza i video-giochi (ancora mi rimprovera), proprio perché non capivo come si potesse stare ore davanti a un video a manovrare una consolle con gli occhi fuori dalle orbite e le mani in fibrillazione come avevo visto fare ai ragazzini in casa di amici. Mia figlia si è dovuta divertire con altre cose, un tantino più umane e costruttive.
    In questi giorni le ho chiesto se avesse giocato anche lei a Pokemon-go (ha ormai 31 anni e ha il diritto di fare quello che vuole) mi ha detto di averlo provato, il gioco, poi, dopo due giorni si è scocciata e ha eliminato l’App.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...