E per finire… Gemme Organiche – Part. III

L’ambra, l’oro del Baltico (Russia), così come per noi lo è il corallo rosso.

L’ambra è una resina fossile indurita, formatasi da una conifera il “Pinus succinefera” (ora estinto), dai due ai cinquanta milioni di anni fa.

I latini la chiamavano appunto “succinum” e ancora nel Baltico la chiamano Succinite, la loro “yantar”, ambra in Russo. A volte traslucida, colore giallo o meglio tutte le tonalità e intensità del giallo: arancio, marrone, rossiccia e persino bianco latte, questa detta “ambra reale”.

Bellissima anche grezza, (che mi ricorda, infilata a collana, quelle “corone” di fichi secchi che si vedono in meridione, per far seccare appunto i fichi), curativa persino, quella grezza, aiuta a sopportare il dolore alle gengive per i bimbi che devono mettere su i dentini, sovente viene regalata in questa occasione l’ambra da “ciucciare”. L’ambra ha un suo aroma, se si riscalda profuma, ma attenzione è infiammabile e se strofinata, produce elettricità.

Inutile dire che le imitazioni si sprecano con plastica, vetro, resine naturali e sintetiche.

Ma l’ambra, l’antichissima AMBRA è “pietra” senza età, nobile, calda, elegante, anche con le sue inclusioni, che non sono altro che piccoli insetti o foglie o tutto ciò che la resina della conifera ha inglobato con se, vera pacchia per i paleontologi.

I colori dell’ambra baltica

51

La bellissima ambra reale

 

52

Ambra grezza

E’ il Baltico che ci offre il 90% dell’ambra che si impiega in gioielleria, una volta la maggior quantità arrivava dal porto di Kaliningrad, ma giacimenti di ambra baltica, ora provengono dalla Danimarca, Finlandia, Estonia, Lettonia, Polonia e Germania e da quelle zone “limitrofe”.

Anche l’ambra Meso/Americana o quella che proviene dalla Repubblica Dominicana, è speciale nei colori, tutta l’ambra tropicale ha una sua zona di estrazione detta “Amber Valley”. Bellissima e rara quella verde della Columbia.

53

Rara e costosissima ambra è quella BLU o BLU/ROSSICCIA della Repubblica Dominicana, puro splendore per gli occhi!!

Aggiungo una chicca, anche per me, perchè non sapevo di questa notizia, senza andare tanto lontano, la nostra bella Sicilia, proprio nella sua punta più sud orientale, ha una costa che viene chiamata “costa dell’ambra” in prossimità del fiume Simeto, dove dal 1984 si è ritrovata una splendida, rara ambra detta appunto SIMETITE, dal bellissimo colore scuro rossastro/bluastro, quasi come quella Dominicana.

56

Ancora un piccolo accenno alla COPALE, simile all’ambra, ma più “giovane”, ha un aspetto più opaco e lattiginoso, più fragile e ricca di inclusioni, ovvero insetti o simili, perfettamente conservati tanto che, se la si fa sciogliere in etere o benzina, si possono recuperare gli insetti.

Bellissima anche questa, diciamo più etnica, tanto che è solitamente tagliata in pezzi molto grandi, in Tibet, le donne si adornano con questa resina, pesa pochissimo e non devono reggere nessun peso, come d’altronde anche per l’ambra, che è leggerissima, provare per credere.

Copale

Non mi rimane che farVi conoscere il GIAIETTO

Sapete come lo chiamano anche il giaietto? Lo chiamano “l’ambra nera”! Si perché innanzitutto è nero, una volta lucidato e spazzolato esibisce un lustro che non teme il tempo e come l’ambra è leggerissimo.

Non è una resina, è una varietà di lignite, simile al carbone ma più duro, resto fossile di foreste millennarie che si trovano lungo le scogliere di Whitby, nello Yorkshire in Inghilterra. Peraltro località amena, con una bellissima spiaggia, nella quale passeggiando potete imbattervi in pietre (fossili anche queste) di ammonnite, che sono anche e oltretutto lo stemma di questa cittadina famosa per i suoi fossili.

Tornando al giaietto, fu proprio il periodo Vittoriano a dargli fama in tutto il mondo. La regina Vittoria aveva parecchi esemplari di gioielli in giaietto, anche perché essendo nero fu fonte di produzione per farne “perle” nere come ornamento per circostanze funebri.

A Whitby, dove esiste il più rinomato giaietto al mondo, si trova anche un museo che custodisce una vasta collezione di giaietti corredati dalla relativa storia dei pezzi. E’ prezioso per la sua storia e il suo prezzo è abbordabile, certo non arriva a costare quanto l’ambra. Interessante “pietra”.

GIOIELLI PERIODO VITTORIANO…tra il sacro e il profano.

Annunci

5 pensieri su “E per finire… Gemme Organiche – Part. III

  1. Bellissimo articolo.
    Io ho l’abitudine di raccogliere le resine delle varie piante del mio giardino, sia quella delle conifere che quelle delle piante da frutto. Hanno diversi colori, naturalmente se vengono in contatto con l’acqua si sciolgono, tanto è vero che io ne uso dei pezzetti da sciogliere in acqua per mescolarli ai pigmenti per pittura e agli inchiostri, al posto della gomma arabica.
    Ho visto in un libro la famosa camera d’ambra di Caterina a Carskoe Selo: stupenda!
    Sempre grazie e buon pomeriggio.

    Liked by 1 persona

      • Scusami, ti rispondo qui, perché il link con il tuo indirizzo non si apre, ho provato a trascriverlo nella posta elettronica ma mi dà questa risposta:

        Delivery to the following recipient failed permanently:
        ————–
        Credo tu ti riferisca all’uso della resina per i colori invece della gomma arabica.
        Per quanto riguarda la pittura a olio, mescolo la resina delle conifere, sciolta in un poco di essenza di trementina rettificata, deve avere la consistenza del miele, con i pigmenti metallici quando ho la necessità di avere dei riflessi dorati, oppure argentati o bronzei, per dei ritocchi oppure delle sfumature che mettano in rilievo una parte che voglio rendere più luminosa o semplicemente decorata a mio piacere.
        Le resine delle piante da frutto invece le sciolgo nell’acqua e devono avere sempre la consistenza del miele e le mescolo, con un po’ di zucchero, con gli inchiostri di china per addensarli e renderli più lucidi e anche più resistenti alla luce, soprattutto se scrivo o decoro carte che non sono pergamenate, ovvero carte che spesso sbavano quando si scrive con un inchiostro. L’inchiostro scorrerà di meno, scrivendo, ma non sbaverà e resterà anche in rilievo con un effetto molto piacevole.
        Ti faccio presente che io non sono un’artista, solo una casalinga con alcuni interessi e passatempi favoriti dal tipo di educazione ricevuta nell’infanzia e con la passione, spesso incentivata dalla necessità, di fare le cose con le proprie mani.
        Alcuni miei lavoretti li trovi nel mio album Flickr, nella colonna a destra del blog dove ci sono le mie foto. Se clicchi sulla foto si apre il phostream di Flickr, poi, nella sezione Album trovi le varie raccolte, c’è il mio giardino nelle varie stagioni (anche se come fotografa valgo poco) un po’ di cucina, i lavoretti di cucito e ricamo, maglia uncinetto e chiacchierino, i miei dipinti nelle varie tecniche, la calligrafia e altro.
        Resto a tua disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.
        Nell’attesa, ti auguro una buona serata.
        Cordialmente
        Neda

        Liked by 1 persona

      • Carissima Neda, grazie del tuo interessantissimo commento. Invito i lettori a visitare il tuo album Flickr. Quante cose si possono imparare e soprattutto quante risorse ci offre madre natura. Ho anche controllato l’indirizzo mail che ti avevo fornito, non riesco a capire: è corretto e a me il link funziona, per certezza riscrivo l’indirizzo nel caso tu abbia voglia di condividere ancora qualche cosa con me. mme3bien@gmail.com

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...