Balmain – P/E 2017 – Parigi

Collezione a mio parere fantastica.

Olivier Rousteing, direttore creativo di Balmain, presenta una collezione affascinante, sofisticata e ricchissima di ricami e texture particolari, che ricorda l’oriente.

In apertura tonalità che lasciano pensare alle foreste tropicali e poi a seguire pervinca, viola, rosa, arancio, rossi, neri, bianchi fino all’argento.

Tuniche e caftani asimmetrici, pantaloni che si aprono in spacchi vertiginosi, intrecci nelle scollature mettendo in risalto corpetti e punti spalla, long dress spettacolari con disegni arcobaleno che disegnano bellissime geometrie.

Collezione portabilissima, con capi per ogni ora del giorno, adatta anche a donne non filiformi.

Dieci e lode!!!

Annunci

Guy Laroche – P/E 2017 – Parigi

La collezione Primavera/Estate 2017 di Guy Laroche non è certo esagerata e nemmeno sorprendente, ma sicuramente giovane e fresca e propone soluzioni per la prossima stagione calda, indossabili quasi da tutte.

Interessanti le giacchine corte che richiamano il taglio dei classici trench, gonne corte o lunghe a seconda dei gusti, pantaloni anni ’70, abiti che scoprono la schiena, look metallizzati e trasparenze che si fanno notare.

Più che sufficiente!

 

YSL – P/E 2017 – Parigi

Anthony Vaccarello debutta in casa Yves Saint Laurent ispirandosi agli anni ’80, con una collezione sexy, dark e alquanto grintosa, seppur con un allure di sensualità.

Gonne minimal, scollature molto audaci e trasparenze che non lasciano nulla all’immaginazione, silhouette fasciate in pelle e jeans che spopolano in passerella.

Vaccarello celebra il vecchio logo personalizzando i tacchi delle décolleté e apponendo all’ingresso dello show un grosso YSL luminoso appeso ad una gru.

unnamed

Come inizio non è male, ma il compito di Anthony non è facile.

 

Lanvin – P/E 2017 – Parigi

La prima sfilata Lanvin sotto la regia di Bouchra Jarrar è di un’eleganza ricercata ed assennata, in pieno equilibrio tra maschile e femminile, realizzata con giochi di asimmetrie e tante morbidezze.

In un momento in cui la maison non naviga in mari calmi, considerata la fase economica delicata, a Bouchra servono le spalle larghe e tante idee innovative, sicuramente non si è trovata in un ambiente sereno ed ha dovuto fare appello a tutta la sua esperienza.

La collezione presentata è tutta giocata su nero, bianco e bluette, dove camicie maschili si indossano su gonne a portafogli estremamente femminili. I soprabiti doppiopetto in seta frusciante si indossano su pantaloni di taglio maschile. Gli abiti sono lunghi e di linea dritta e fluida, al contrario delle gonne lunghe che sono a pieghe. Tutto realizzato con molta personalità.

Sicuramente ci sono molti pezzi che in un guardaroba non dovrebbero mancare, anche perché, estremamente duttili, possono essere usati in totale libertà.

Vivetta – P/E 2017 – Milano

Mamma mi racconti una fiaba?

La collezione primavera/estate 2017 presentata da Vivetta fa proprio ritornare in mente le storie che la mamma ci raccontava da bambine e che magari oggi, qualcuna di noi, racconta ai propri bimbi.

Una collezione molto colorata che gioca molto sui contrasti delle tonalità, così come piace tanto fare a questa giovane stilista.

Alcuni outfit si ispirano alla fine dell’800 e si vede qualche influenza orientale: quindi si alternano in passerella: paesaggi giapponesi, elfi, tappezzerie di palazzi, fate, richiami a fiabe famose come “Alice nel paese delle meraviglie” e principi.

Indovinata la collaborazione con Swarowski per impreziosire alcuni abiti della collezione.

Insomma una collezione tra sogno e realtà, attraverso epoche e paesi diversi che, anche se siamo bambine un po’ cresciute, ci affascina non poco.

Nonostante non sia del tutto il mio stile, mi piace.

Laura Biagiotti – P/E 2017 – Milan

Laura Biagiotti, da sempre innamorata del golf, porta in passerella una collezione molto colorata e piena di fantasia, interamente dedicata a questo sport.

Decisamente una collezione diversa da quella alle quali ci aveva abituato la stilista, ma decisamente particolare e molto bella.

Forse anche Laura Biagiotti, come Donatella Versace, è convinta che il futuro della moda stia nell’unione tra sport e glamour.

“La moda supera la contemporaneità con un progetto sintetico di stagioni 4.0.” dichiara la stilista. “Ogni donna conquista la sua medaglia quotidianamente grazie anche a un guardaroba multi-tasking fatto di una moda compagna di gioco e coach”.

La collezione si è chiusa con un dono floreale a Carla Fracci per i suoi 80 anni.

Magiche illusioni che trasmettono pace

James R. Eads (pittore) e Chris McDaniel (animatore) uniscono le loro arti e competenze e danno vita a una serie di opere gif digitali veramente sorprendenti. Le sequenze in loop iptonitizzano gli spettatori con i loro colori vivaci e ne catturano l’attenzione, affascinandoli.

1474322208paint

McDaniel, lavorando su opere statiche di Eads, dona loro vita attraverso la grafica e accompagna i fruitori in un universo di fantasia e di immaginazione.

1474322206oldfriendslarge

Eads racconta il progetto così: ‘Credo che ciò che ha reso questa collaborazione così riuscita e coinvolgente è il fatto che io e Chris usiamo il processo di creazione come una forma di meditazione.”

1474322205eachdayspent

“Quando ho visto il lavoro di James per la prima volta” dichiara McDaniel “l’ho visto muoversi già nel fermo immagine”

1474322208whereeveryougothereyouare

Entrambi li artisti appaiono alquanto soddisfatti di questa unione e tutti coloro che guardano queste opere si imbattono in qualcosa di veramente rilassante; tutto sembra una magia che restituisce pace.

1474322206hellohelios

 

Bravi!!!

unnamed