Se sei stressato prova con lo Zentangle

In questa società tutto corre a ritmi sostenuti, capita di sentire il bisogno di “staccare la spina” e di liberarsi dallo stress. Ecco che potrebbe venirci in aiuto la tecnica dello Zentangle.

Che cos’è?

La parola stessa ci suggerisce la risposta: Tangle significa intreccio, Zen riconduce a meditazione e calma. Due artisti statunitensi Rick Roberts e Maria Thomas hanno messo a punto questa pratica artistica che si fonda sull’istinto e sull’immaginazione. Il principio di questo metodo è essere liberi e creare rispettando poche semplici regole che sono:

  • utilizzare fogli bianchi quadrati con i lati di 8,5 cm
  • tracciare le linee con penna nera a punta finissima
  • dedicarsi al disegno in un ambiente armonioso che non abbia nessuna forma di distrazione
  • è vietato l’uso della gomma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In ogni piastrella si disegnerà una serie di sequenze ripetute sino a riempire per intero la superficie. E’ quindi un modo completamente diverso di intendere il disegno o la pittura, ma è bensì una vera e propria attività meditativa, che ha lo scopo di raggiungere un senso di rigenerazione, rilassandosi e concentrandosi.

Partendo da semplici linee si sviluppano disegni assai complessi, questo perché uno dei principi di questo metodo è proprio quello di mettere in relazione il semplice ed il complesso. Linee semplici che compongono una rete fitta e si traducono in un tutto.

 

Fra i benefici apportati si riscontra il miglioramento del coordinamento e la capacità di risolvere i problemi.

Rick Roberts ha dichiarato che lo Zentangle è un: “linguaggio non verbale dei modelli e delle proporzioni, che apre le porte ad approfondimenti che sembravano chiusi prima”.

 

In un atto intuitivo, l’atto di disegnare questi modelli ci permette, sulla base di linee semplici, di avvicinarsi alla complessità dell’universo. Inoltre, la tecnica implica principi che potrebbero essere applicati alla vita stessa: Zentangle richiede tratti decisi e irreversibili, proprio come le azioni che svolgiamo quotidianamente. Del resto, la vita di ognuno, come l’universo stesso, si basa sulla possibilità e non sull’assoluto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...