Fortunato Depero, l’artista con la sfida nel DNA

“Quando vivrò di quello che ho pensato ieri,
comincerò ad avere paura di chi mi copia”

Fortunato Depero fu un artista poliedrico che sfidò le convenzioni artistiche lavorando a tutto tondo per il teatro, la pubblicità, il design, l’artigianato e utilizzando differenti tecniche.

Sicuramente il futurista più futurista fra i futuristi è oggi oggetto di una mostra, fruibile fino al 2 luglio presso la Fondazione Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo – PR.

Nella mostra sono visibili più di 100 opere: dipinti, tarsie in panno, collage, abiti, mobili, disegni, progetti pubblicitari, che permettono di percepire il suo modo di vivere l’arte e di fare arte, attingendo ai diversi linguaggi che spaziano dalla pittura alla scultura, dalla architettura al design.

La mostra dal titolo “Depero il Mago” porta la cura di Nicoletta Boschiero e Stefano Roffi ed è una bellissima rassegna sulla creatività di questo artista poliedrico e dinamico, che tutt’oggi incanta e meraviglia.

Il percorso della mostra si snoda attraverso cinque sezioni: “Irredentismo e futurismo”, “La formazione alla scuola elisabettina e l’adesione futurista”, “Teatro magico. Chant du rossignol, Balli plastici, Anihccam”, “La Casa del mago. La produzione artistica tra design e artigianato”, “New York. Depero Futurist House” e “Rovereto. Verso il museo”.

Depero nacque a Fondo in Val di Non nel 1892, frequentò la Scuola Reale Elisabettina, che abbandonò al termine del quinto anno di corso, fece l’esame per entrare all’Accademia di Belle Arti di Vienna, ma pensate, venne bocciato, così iniziò a lavorare come scultore.

Nel 1919 aprì a Rovereto la “Casa d’Arte Depero”, nella quale vennero prodotti oggetti d’arte e sperimentate molte tecniche artistiche.

Rappresentò l’Italia all’Esposizione Internazionale di Parigi nel 1925 insieme a Prampolini e a Balla.

Si occupò anche di “scrittura sperimentale” componendo poesie astratte centrate sul suono delle parole e non sul loro significato.

Morì a Rovereto nel 1960 dopo aver fondato il primo Museo Futurista italiano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se vuoi ricevere gratuitamente il mio ebook dedicato agli abiti iconici, compila il modulo sottostante.

SCELTO PER VOI

6a

Annunci

Un pensiero su “Fortunato Depero, l’artista con la sfida nel DNA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...