I kanzashi – ornamenti per le acconciature dal Sol Levante

La loro storia inizia nel periodo Edo, quando le donne giapponesi abbandonarono l’acconciatura con i capelli lunghi e sciolti (Teragami) per l’acconciatura con i capelli raccolti (Nihongami).
I kanzashi sono appunto degli ornamenti molto particolari utilizzati per le acconciature tradizionali giapponesi.
Ancora oggi vengono indossati con i kimoni o nei matrimoni, ma anche da giovani donne che indossano eleganti abiti occidentali.
Se ne trovano di molti tipi e di svariati materiali, come: legno, seta, argento, tartaruga; vi è solo l’imbarazzo della scelta.
Kogai
Asticelle decorate, a volte vendute abbinate ad un pettine e realizzate in guscio di tartaruga, metallo o ceramica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Bira bira
 
Ornamenti in metallo ai quali vengono appese strisce di metallo o di seta con l’aggiunta, molte volte, di campanellini. Il movimento della testa innesca un leggero tintinnio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Kanoko dome
Ornamenti molto elaborati, generalmente di forma rotonda o di farfalla o di fiore, realizzati in stoffa con l’aggiunta di materiali preziosi quali oro, argento, corallo, ecc.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tama

 
Sfere colorate montate su di uno spillone. La curiosità sta nei colori della sfera, infatti: da maggio ad ottobre solitamente la sfera è rossa, da giugno a settembre è verde, anche se oggi le donne vanno in deroga a questo e si trovano Tama con diverse decorazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Kushi
 
A forma di pettine dalla particolare forma arrotondata, finemente decorati e realizzati in legno laccato o guscio di tartaruga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tsumami

Ornamenti realizzati in stoffa con una particolare tecnica cugina degli origami. Veramente particolari e preziosi, pensate un fiore riprodotto può avere da 5 a 75 petali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Una curiosità che riguarda i kanzashi è che le donne giapponesi li scelgono e li abbinano a seconda dei mesi o degli eventi ai quali partecipano. Per esempio a gennaio i temi più popolari sono i suzume = passeri, a febbraio le kusudama = sfere di fiori, a marzo i momo (fiori di pesco) o le botan = peonie, ad aprile i miei adorati sakura = fiori di pesco, a maggio i fuji = glicine, a giugno lo yanagi = salice verde, a luglio, il mese del Gion Matsuri, gli uchiwa = ventagli tondi, ad agosto le asagao = ipomea, a settembre le kikyo = campanule giapponesi, ad ottobre il kiku = crisantemo, a novembre il fuuyon = foglie d’acero e per finire, a dicembre, i mochibana = rametti decorati con mochi e se si partecipa ad una rappresentazione al teatro Minamiza si provvederà ad inserire due targhette per farsi fare l’autografo dai due attori di Kabuki preferiti.
Una cosa è certa, se avete la fortuna di passare dal Giappone, non tornate se non con uno di questi ornamenti veramente particolari. 
Annunci

2 pensieri su “I kanzashi – ornamenti per le acconciature dal Sol Levante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...