Le tsuru, leggiadre ed eleganti

Le tsuru, ossia le gru giapponesi, nella cultura nipponica occupano un posto estremamente importante e vengono considerate simbolo di longevità e di buon augurio.

Sono uccelli particolarmente eleganti, imponenti, di colore bianco, con zampe nere, ali profilate di nero e una macchia rossa sulla testa che le rende inconfondibili. Sono animali particolarmente fedeli e colmi di dedizione, infatti vivono tutta la loro vita con un unico partner e, maschio e femmina, si alternano nella cova delle uova.

tsuru

Da sempre hanno ispirato dipinti e tessuti, le troviamo riprodotte spesso anche sui kimoni utilizzati per i matrimoni e sui corredi dei samurai; essendo considerati animali sacri, è vietato dar loro la caccia.

Le tsuru sono spessissimo riprodotte con l’arte degli origami e vengono utilizzate come offerte nei templi affinché esaudiscano i desideri, inoltre vengono donate agli ammalati come augurio di pronta guarigione e di lunga vita.

Questa usanza nacque nel 1945, quando Sadako Sasaki, una piccola bimba, scampata alla bomba di Hiroshima, cominciò a manifestare i segni della leucemia da radiazioni. A conoscenza del significato di buon augurio delle tsuru, cominciò a costruire delle gru, una dopo l’altra, utilizzando anche le carte dei medicinali, nella speranza di poter guarire. Purtroppo la sua storia non ebbe un lieto fine, ma è rimasta l’usanza di costruire gru con la tecnica degli origami come segno di speranza e di pace.

e58699e79c9f2b1

Come spesso accade in Giappone anche le tsuru sono legate  a delle leggende, che qui di seguito vi riporto:

“La leggenda della principessa Gru”

Questa leggenda nacque quando il Giappone era diviso in piccoli feudi fra i quali si scatenavano battaglie continue. Nel paese di Kaoru in battaglia con il feudo vicino, viveva una bellissima principessa di nome Tsuru. Durante una passeggiata vide accasciato un giovane morente, del quale si prese cura con premura ed al quale fece la promessa di sposarlo. Purtroppo però, solo dopo, seppe che si trattava del Principe del feudo nemico ed il destino li costrinse a separarsi. Tsuru non resistette al dolore e si affogò in uno stagno, trasformandosi poi in una splendida gru, che volteggiava sopra i cieli dei due feudi pregando per un futuro di pace. Si dice che la sua anima continuo a volare.

a1cdbee6cce281cb39d6d526bbd139f213356d05_hq

 

“La leggenda della Tsuru Nyobo”

Un povero taglialegna svolgendo il suo lavoro trovò una gru incastrata in una trappola, vedendola sofferente, decise di liberarla; la gru lo guardò dritto negli occhi e volò via. Dopo pochi giorni, una ragazza bellissima si presentò alla casa dell’uomo, manifestando la volontà di divenire sua sposa. Il taglialegna, colpito dalla bellezza della donna, dopo un momento di esitazione: accettò. Trattandosi di un uomo povero, la vita di coppia all’inizio apparve assai dura, sicché la donna si offerse di aiutarlo a guadagnare qualche soldo per migliorare il menage familiare e cominciò a tessere della stoffa da vendere. Sì chiuse nella stanza a lavorare facendo promettere al marito di non entrare mai in quel locale. La stoffa che la donna tesseva era di ottima qualità ed il taglialegna non faticava a venderla al mercato, ricavandone ottimi guadagni. La notizia della bellezza della stoffa giunse all’Imperatore che fece chiedere all’uomo una fornitura di uno stock della stessa in cambio di molto denaro. Questo costrinse la donna a lavorare molto di più ed a stancarsi moltissimo, tanto da sembrare quasi sofferente. Il marito, vedendola dimagrire, volle conoscere il mistero che si celava in quella stanza ed una notte vi entrò, trovando di fronte al telaio una creatura metà donna e metà gru, che si strappava le penne per trasformarle in tessuto procurandosi molto dolore.

news50322

La donna accorgendosi della presenza del marito disse piangendo: “Questo è il motivo per cui non volevo che tu mi vedessi mentre lavoravo. Mi vergogno perché so che una creatura come me non può vivere con un uomo come te. Ti sarò per sempre grata per avermi salvato da quella trappola e ricorda anche che io ti amerò per sempre come una moglie.” Volò dalla finestra e scomparve per sempre. L’uomo disperato, aspettò il suo ritorno, ma … purtroppo, pur non essendo più povero, rimase solo per il resto della sua vita.

Come in tutte le favole c’è una morale, ossia: la curiosità distrugge le cose belle ed il voler a tutti i costi infrangere il mistero, spesso rovina la felicità che la vita ci regala.

A proposito di vita, come voi saprete Fuji significa immortalità, presto vi racconterò la leggenda che spiega perché il monte porta questo nome.

Annunci

2 pensieri su “Le tsuru, leggiadre ed eleganti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...