Ladies & Gentlemen: The Prince of Prints – Emilio Pucci

Emilio Pucci marchese di Barsento nacque a Napoli nel 1914. A vent’anni entrò a far parte della squadra nazionale olimpica italiana di sci e partecipò alle olimpiadi invernali del 1936. Lo sci non era, però, la sua unica passione, egli, infatti, era attirato anche dalla pittura e proprio durante una borsa di studio presso il Reed College (Oregon), dove continuava gli allenamenti sciistici, Pucci disegnò l’uniforme della squadra.

Finì gli studi, si arruolò in aeronautica e parallelamente lavorò come istruttore di sci. Era scritto forse nel suo destino! Lo sci, inesorabilmente, era legato alla sua fortuna e alla sua vita, infatti, dopo aver creato una tuta da sci per un’amica quasi per gioco, la tuta finì sotto l’obiettivo fotografico di Toni Frissell e comparve sul numero di dicembre di Harper’s Bazzaar.

Quando si dice: essere al posto giusto, nel momento giusto…

Quella tuta dai colori flou diventò un must have di quella stagione invernale; era 1947 e da lì prese il via l’avventura nella moda del Marchese di Barsento. Aprì nel 1950 la sua prima boutique a Capri e fece delle sue stampe dai colori brillanti un qualcosa di assolutamente nuovo nel panorama della moda non solo italiana.

In pochissimo tempo Emilio Pucci raccolse consensi e diventò un protagonista attraverso le sue stampe/fantasie così particolari, tanto da essere battezzato: “The Prince of Prints”. In poco tempo conquistò anche l’America, vincendo il Neiman-Marcus Award e forte dei suoi successi, continuò a camminare un po’ contro corrente ai grandi nomi classici della moda del tempo, creando sempre collezioni dalle linee comode e utilizzando le sue stampe dalle cromie accattivanti. “Il grande cavaliere antico”, così lo definiva Giovanni Sartori, amava le sete, le organze e le mussoline, drappeggiate e morbide che lasciavano piena libertà di movimento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stabilì la sua maison a Firenze a Palazzo Pucci, in via de’ Pucci; la sua Firenze continuò ad ispirarlo e lui affascinò il mondo della moda, attraverso la ricercatezza dei suoi capi coloratissimi. Il suo gusto innato per il colore e la sua passione per la pittura, gli permisero di dare alle sue collezioni un sapore artistico.

emilio_pucci_pilot_episode_minisite_video_1

Emilio Pucci morì a Firenze nel novembre del 1992, dopo aver dato un enorme contributo alla diffusione della moda italiana nel mondo ed essersi guadagnato un’aura di magia che lo ha reso immortale, tanto che, la Maison è tutt’oggi un simbolo di raffinata eleganza.

Su di me, che adoro l’Arte ed i colori, il suo stile esercita un fascino particolare, tanto che… non ho saputo resistere: seta, boccette e pennelli e… lasciatemi sognare!

 

Annunci

5 pensieri su “Ladies & Gentlemen: The Prince of Prints – Emilio Pucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...