VOYEUR IN ASCOLTO? MA PER CARITÀ…!

Mi piace viaggiare, ma non amo mettermi alla guida. Un po’ per pigrizia (preferisco la vita “da passeggero”, lo confesso…), un po’ per altri “dettagli”, tutt’altro che trascurabili: perché sono un distratto di natura; perché se devo concentrarmi al volante, non posso concentrarmi, ad esempio, sull’ultimo verso di una Poesia che sto scrivendo; perché so “trovare” le strade, come una talpa trova il famoso ago nel pagliaio (che, comunque, pare non abbia ancora ritrovato nessuno…). Esagerazioni escluse, il fatto è che trovo molto noioso guidare l’automobile…

Lalique Illusion Captive

Nel 1898, René Lalique era al culmine della sua arte quando creò uno dei manufatti più iconici dello stile Art Nouveau: la spilla "Libellule", proprio da questo pezzo favoloso Casa Lalique trae l'ispirazione per il nuovo profumo: Illusion Captive. Nel 1898, René Lalique era al culmine della sua arte quando creò uno dei manufatti più iconici dello stile Art Nouveau: la spilla "Libellule", proprio da questo pezzo favoloso Casa Lalique trae l'ispirazione per il nuovo profumo: Illusion Captive...

L’ottava meraviglia del mondo in mostra a Napoli

La mostra "L'Esercito di terracotta" è la più grande esposizione mondiale del suo genere e fino al 28 Gennaio 2018, presso la Basilica dello Spirito Santo di Napoli sarà possibile fruirla. Le ottomila statue componevano l'esercito di terracotta di Qin Shi Huangdi, imperatore della Cina di 2.200 anni fa, al potere per soli dieci anni, che volle la protezione dei suoi fedelissimi guerrieri anche dopo la morte e ordinò l'esatta  riproduzione dell'intero esercito con cui unificò la Cina di allora...

“Kuniyoshi – Il visionario del mondo fluttuante”

E' in corso e sarà fruibile sino al prossimo 28 Gennaio, presso il Museo della Permanente a Milano, la mostra dal titolo "Kuniyoshi - Il visionario del mondo fluttuante". Dopo l'esposizione dello scorso anno che ha reso omaggio a Hokusai, Hiroshige e Utamaro, era doveroso dedicare a Kuniyoshi una mostra tutta sua, per il suo carattere estremamente particolare e personalissimo e per l’originalità delle opere e dei temi rispetto agli altri tre Maestri del mondo fluttuante giapponese...

Sebastião Salgado – “Genesi”

Sebastião Salgado, il più importante fotografo documentario vivente del nostro pianeta, considerato il "principe del bianco e nero", giunge a Napoli con la mostra "Genesi". Sebastião Ribeiro Salgado nasce l’8 febbraio 1944 ad Aimorés, in Brasile. A 16 anni si trasferisce nella vicina Vitoria, dove finisce le scuole superiori e intraprende gli studi universitari. Nel 1967 sposa Lélia Deluiz Wanick. Dopo ulteriori studi a San Paolo, i due si trasferiscono prima a Parigi e quindi a Londra, dove Sebastião lavora come economista per l’Organizzazione Internazionale per il Caffè. Nel 1973 torna insieme alla moglie a Parigi per intraprendere la carriera di fotografo. Lavorando prima come freelance e poi per le alcune agenzie fotografiche, per creare poi insieme a Lèlia l'agenzia Amazonas Images...

Non di sole gambe si pedala

Caro amico ciclista sconosciuto, dai capelli grigi, che ieri pomeriggio, senza nemmeno accorgertene, mentre tornavo a casa in auto, mi hai provocato un’extrasistole (con pelle d’oca in omaggio...), permettimi due parole. E’ vero che sulle strisce pedonali i pedoni (e, talvolta, anche i ciclisti), godono di una zona di rispetto sacrosanta ed inviolabile, ma è pur vero, concedimelo, che non ci si dovrebbe mai, ripeto: mai, buttare sulle strisce d’improvviso, come se ci si tuffasse dal trampolino della piscina gonfiabile, sistemata nel proprio giardino; o come se si effettuasse un tele-trasbordo, modello Star Trek, fluttuando nell’etere, praticamente invisibili...

C’era una volta… (ma c’è ancora)

... un saggio che insieme ad un suo seguace tagliavano della legna. L'alunno lavorava senza mai fermarsi e senza mai riposarsi, tanto da tagliare una gran quantità di legna, il maestro, invece, lavorava fermandosi ogni tanto a riposare; nonostante questo la legna da lui tagliata era molta di più di quella del discepolo. Questa cosa lasciò di stucco l'alunno, che alla fine della giornata chiese al maestro come era potuta succedere una cosa simile. Il maestro rispose semplicemente: "Mentre riposavo affilavo l'accetta"...

Jidai Matsuri

“A Kyoto, le manifestazioni che si colorano di sfumature delle epoche antiche non si contano più” così ha scritto il premio Nobel della letteratura Kawabata Yasunari (1899-1972), infatti in questa antica città, un tempo capitale, i matsuri sono molteplici. Ma il Jidai Matsuri o, meglio conosciuta in occidente, “Festa storica” ha un carisma particolare...

“FIUME A VENTI ANNI DALLA SCOMPARSA. Dipinti – Sculture – Disegni 1947 – 1992”

Il 23 Ottobre 1915 nasceva in Sicilia, più precisamente a Comiso, Salvatore Fiume ed oggi, vent'anni dopo la sua scomparsa, a Mantova, nella dimora quattrocentesca che fu di Andrea Mantegna, si apre una mostra a lui dedicata che sarà fruibile sino al 18 Febbraio 2018. Fiume fu pittore, scultore, architetto, scrittore e scenografo e la mostra antologica di Mantova - che vede la cura di Marzio Dall’Acqua, Renzo Margonari e Vittorio Sgarbi - ci regala un suggestivo viaggio attraverso la vasta e varia produzione artistica ripercorrendo l'attività dell'Artista italiano dal 1947 al 1992...

Caro libro, ti scrivo…

Anche sul web il curioso “derby” affolla i motori di ricerca, suscita interesse, stuzzica la curiosità: l’argomento “c’è”… Meglio il libro cartaceo, con copertina rigida e pagine fruscianti, o l’innovativo ed asettico eBook, figlio di eReader di razza pura? Troppo facile sarebbe rispondere: “Ai posteri l’ardua sentenza...”: non trovo dignitoso demandare sempre i quesiti più impegnativi a quanti ci seguiranno…