“L’Opera dei Pupi” sale il colle del Quirinale

Con trionfo “L’Opera dei Pupi” è salita al colle ed ha varcato il portone del Quirinale insieme a Mimmo Cuticchio, un settantenne palermitano, orgoglioso, che non si è mai arreso, neppure di fronte alla grande crisi degli anni Ottanta, che ha portato alla chiusura di quasi tutti i teatri siciliani.

Racconta Cuticchio: “Ho portato l’Opera dei Pupi in tutto il mondo in Australia come negli Usa e in tutta Europa, ma qui l’emozione è grandissima. Mio padre fu fatto cavaliere, io però sono un paladino, orgoglioso di entrare nella casa del presidente degli italiani”.

L’opera dei pupi, riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio orale e immateriale dell’umanità, rischia però di andare dispersa e questo è l’unico cruccio per Mimmo Cuticchio che esorta: “La Sicilia merita di poter conservare un’arte e un mestiere come il mio”.

Solo due le famiglie che ancora resistono: i Cuticchio a Palermo ed i Napoli a Catania, un vero peccato!!! Ecco perchè Cuticchio insiste rivolgendosi alla Regione Sicilia: “Sarebbe necessaria una sala adatta agli spettacoli per la grande scena. Noi siamo pieni di ragazzi, studenti, turisti che vengono a vedere l’Opera, ma abbiamo solo il mio piccolo teatrino nel centro storico di Palermo. Non è il solito lamento di un artista incompreso: facciamo spettacoli in tutto il mondo ma è mio dovere pensare al futuro di quest’arte. E, invece, sembra che proprio in Sicilia si tenda a sperperare questo patrimonio, piuttosto che difenderlo e valorizzarlo”

La mostra al Quirinale è stata inaugurata lo scorso 7 novembre e sarà fruibile sino al 3 dicembre 2017, nella Palazzina Gregoriana; si tratta di una mostra antologica dedicata al teatro delle marionette siciliane, una delle grandi consuetudini folcloristiche del nostro Paese, giunta a noi attraverso l’esperienza delle famiglie d’arte a partire dalla prima metà dell’’800, un viaggio dentro cinquanta anni di vita, spettacoli, pupi e testimonianze: un viaggio che prosegue, continuando a suscitare meraviglia nel mondo attraverso generazioni di spettatori.

L’esposizione raccoglie materiale scenico in buona parte mai esposto finora. Attraverso un allestimento suggestivo e al contempo rigoroso, studiato con il proposito di restituire la dimensione fantastica dell’Opera dei pupi, da Orlando a Rinaldo, alla Bella Angelica, fino al traditore Gano di Magonza, paladini, figure mitologiche, cartelloni, sipari, palco, strumenti sonori.

La cura della mostra è di Elisabetta Puleo ed è stata illustrata dal maestro Mimmo Cuticchio, il cuntista puparo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...