La Conciergerie e l’orologio pubblico più antico di Francia

Percorrendo il lungo Senna ci si imbatte nella Conciergerie, testimone medioevale della città di Parigi, importante luogo di storia e di memoria.

Fino al XIV secolo fu il Palazzo del Re, poi, quando Carlo V si trasferì, divenne prigione ed oggi museo.

Dopo la caduta della monarchia, il Tribunale Rivoluzionario, creato dalla Convenzione nel 1793, condivise la prigione della Conciergerie ed in due anni, più di 2.700 persone condannate a morte, passarono gli ultimi giorni della loro vita proprio qui, fra queste: la regina Maria Antonietta, il poeta André Chenier e Robespierre, l’uomo del terrore.

 

Qui si possono ammirare alcuni fra gli esempi più belli di architettura medioevale: la sala delle guardie, la sala dei soldati e le tre torri circolari: la Torre di Cesare, in memoria della dominazione romana, la torre d’Argento, un’allusione al tesoro reale che doveva essere custodito, la torre Bonbec, che deve il suo nome al fatto che conteneva la stanza dove si  praticava “l’interrogatorio” (tortura).

La sala delle guardie fu costruita intorno al 1310 da Filippo IV il Bello e serviva come anticamera della sala principale, dove il re vi teneva il  “lit de justice” e dove ebbe luogo il Tribunale Rivoluzionario dal 2 aprile 1793  al 31 maggio 1795. Tre pilastri dividono lo spazio in due navate di quattro campate da volte a sesto acuto.

778px-conciergerie_gensdarmes

La sala dei soldati è enorme: 64 metri di lunghezza, 27,5 metri di larghezza e 8,5 metri di altezza, essa fu costruita tra il 1302 e il 1313 da Enguerrand de Marigny. Serviva  come refettorio per i il personale del re.

Intorno al 1350, il re Giovanni II detto il  Buono fece costruire le cucine ed una torre d’avvistamento rettangolare chiamata Torre dell’Orologio, dove nel 1371, per volere di Re Carlo V, al piano terra fu installato il primo orologio pubblico di Francia.

photo-22

Un orologio veramente affascinante con decorazioni blu e dorate, dove ai lati del quadrante vi sono due figure che raffigurano la Legge e la Giustizia; curiose anche le lancette dell’orologio, quella delle ore rappresenta una lancia, quella dei minuti un giglio.

photo-21.jpg

 

 

Due epigrafi in latino si leggono sopra e sotto il quadrante e citano testuali, rispettivamente: “Colui che ha già dato due corone gliene darà una terza” – riferimento a Re Enrico III, che contemporaneamente era re di Francia e di Polonia – “Questa macchina che suddivide le ore in dodici parti così perfette, insegna a preservare la Giustizia e a difendere le leggi”.

Annunci

Un pensiero su “La Conciergerie e l’orologio pubblico più antico di Francia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...