Capodanno si avvicina…

…ci siamo quasi! Ormai pochissimo ci separa dal chiudere il 2017 e, pieni di speranza, dall’approcciare il 2018.

capodanno__

Ognuno di noi ripensa all’anno ormai passato, alcuni con gioia, alcuni con malinconia, altri con disappunto, certo ognuno con un bilancio da chiudere e con la speranza di aprire il nuovo anno in modo migliore.

Comunque sia, tutti, durante la notte di San Silvestro, mettono in campo usanze e tradizioni di buon auspicio, tramandate e scaramanticamente mantenute, per incominciare “con il piede giusto” il nuovo anno. Vediamole…

… Lenticchie, uva, melograno

Mangiare lenticchie è un’usanza diffusissima che sembra portare fortuna e soldi, tanto da spingere ad usare le mani per portarle alla bocca, quasi a contare monete.
Altrettanto di buon auspicio è portare in tavola melograni, che simboleggiano la fedeltà coniugale e uva fresca o passa.


… Liberarsi di cose vecchie e rotte
In alcune città è usanza, allo scoccare della mezzanotte, liberarsi di cocci lanciandoli direttamente dalla finestra (attenzione ai passanti) col significato di liberarsi da ogni forma di male.
Andando incontro all’anno nuovo è tradizione anche gettare le cose vecchie, insomma anno nuovo, tutto nuovo (beato chi può).
capodanno-cose-rotte-300x172
… Il vischio
Si dice che il vischio sia una pianta bene augurante che se ricevuta in dono a Capodanno porti fortuna per tutto l’anno, trattasi di una pianta che i popoli antichi consideravano sacra: i Druidi la usavano nei cerimoniali di purificazione, i Celti consideravano la bevanda da essa derivata una potente cura contro la sterilità.
Tutto questo induce a scambiarsi gli auguri sotto il vischio in segno di buona fortuna.
sewcando_com
…Intimo rosso
.
Per gli antichi romani indossare il colore rosso simboleggiava allontanare la paura, oggi molti ci riprovano allontanando le paure indossando intimo rosso la notte di Capodanno.
intimo-rosso-capodanno
… I botti
Per allontanare le forze maligne spaventandole ed accogliere festosamente l’anno nuovo; attenzione a non esagerare, il pericolo è in agguato, meglio lasciar maneggiare queste cose da chi è il suo mestiere.
valuableverifiableblackbuck-max-1mb
Al Capodanno sono anche legati alcuni racconti, si dice che…
…a Pettorano sul Gizio, in Abruzzo, allo scoccare della mezzanotte l’acqua del fiume per una frazione di secondo si arresti e si trasformi in oro, per poi scorrere come prima. Se avete tempismo appostatevi nelle vicinanze.
fondillo
… se la prima persona che incontrate dopo la mezzanotte è un vecchio o un gobbo fortuna garantita.

E per finire la leggenda di Capodanno di Otto Cima

Nelle valli del Comasco usavano, una volta, la notte di Capodanno, appendere alla porta dei casolari un bastone, un sacco ed un tozzo di pane.
Eccone il perché.
Molti anni fa, al tempo dei tempi, e precisamente la notte di San Silvestro, padron Tobia stava contando il proprio gruzzolo in un angolo della sua capanna, quando fu battuto alla porta.
L’avaro coprì con un drappo i suoi ducati ed andò ad aprire. Una folata d’aria gelata di neve lo colpì in viso.
Era una notte d’Inverno.
Sotto la tormenta, fra il nevischio, egli vide un pover’uomo che si reggeva a stento e che non aveva neppure un cencio di mantello.
Padron Tobia fu molto contrariato da quella vista e domandò bruscamente allo sconosciuto:
“Che fate qui? Che volete? Chi siete?”
“Sono un povero viandante sperduto e sorpreso dalla bufera, e vi chiedo in carità di poter dormire nel vostro fienile.”
“Io non lascio dormire nessuno nel mio fienile. Andate, andate: non posso far nulla per voi!”
“Datemi almeno un tozzo di pane!”
“Non ho pane; andate!”
“Datemi un sacco, un cencio da mettermi al collo chè muoio di freddo!”
“Non ho sacchi e non ho cenci!”
“Almeno un bastone per appoggiarmi…”
“Non ho bastoni!”
E chiuso l’uscio in faccia all’infelice, ritornò al suo gruzzolo; ma sotto il drappo, invece di ducati trovò un pugno di foglie secche.
Padron Tobia impazzì e terminò i suoi giorni vagando per le vallate natie e raccontando a tutti la sua disgrazia; ma, d’allora in poi, la notte di capodanno tutti appesero alla porta del proprio casolare un bastone, un sacco, un tozzo di pane.

Forse tutti quanti noi dovremmo, oltre a seguire tradizioni e riti, volgere uno sguardo caritatevole verso coloro che vivono situazioni di disagio. Spesso gli occhi ed il sorriso di costoro sono l’augurio ed il dono più grande.

tumblr_nfocv1y2xq1s46p8ao1_500

 

Annunci

2 pensieri su “Capodanno si avvicina…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...