“Nullum magnum ingenium sine mixtura dementiae fuit” – Seneca

“Nessun grande ingegno fu mai senza una mistura di follia” sosteneva Seneca

“Occorre avere un po’ di caos in sé per partorire una stella danzante” diceva Friedrich Nietzsche

“Non esiste grande genio senza una dose di follia” era la tesi di Aristotele

Genialità e follia, apparentemente concetti sì tanto diversi, sembrano essere inseparabili, se per follia intendiamo quella forma di irrazionalità che spesso accompagna una mente creativa, un Artista.

m9yt

Le menti creative sono assai complesse, a volte paradossali, eccentriche, appunto quasi folli. Possiedono tratti caratteriali che li rendono fortemente differenti dalle altre. Essi sognano ad occhi aperti, osservano tutto, amano la solitudine, cercano nuove esperienze, sono resilienti, seguano le proprie passioni, spesso perdono la nozione del tempo.

creativitc3a0-min-1030x685

Alcuni individui, considerati socialmente geniali, come Van Gogh, Goethe, Newton, si sono sempre mossi su quel filo labile che divide il genio dalla follia, sono usciti dalla normalità per tangere le vie della follia. Nei casi di Newton e Goethe furono protetti dalla loro condizione di ricchi e potenti, per van Gogh, invece, senza protezione per la sua miseria e la sua marginalità, ci fu la reclusione in manicomio.

La sua mente, oserei dire privilegiata e nel contempo sofferente, non gli permise di trovare la felicità nella sua arte e men che meno nella tela della sua vita.

1200px-van_gogh_-_starry_night_-_google_art_project

Ma allora l’opera di un genio si può considerare simmetrica al delirio di un folle? Dove termina la genialità ed dove incomincia la follia?

Annunci

2 pensieri su ““Nullum magnum ingenium sine mixtura dementiae fuit” – Seneca

  1. Bello!! Secondo me genio e follia sono come lo ying e lo yan… Anche se per follia magari c’è solo stramberia, o anomalia… E il genio può essere anche in imprese più piccole, ma che scorrono spontaneamente tanto da essere un’arte… Ma in tutte le persone più creative in qualunque ambito c’è sia luce che ombra 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Forse non c’è una vera differenza ma è solo questione di “etichettatura”… Forse si dice genio a chi fa qualcosa che alla maggioranza piace e folle a chi non riesce a farsi apprezzare dai più. Però può essere che la base di partenza sia la stessa.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...