Nankurunasia – mantra della speranza

Spesso ho parlato in questo blog della speranza, oggi riaffronto l’argomento da tutt’altra prospettiva, aprendo il post con una leggenda che racconta come il dono della speranza giunse sulla terra e chiudendo l’articolo con il mantra della speranza che ci giunge dagli antichi abitanti di Okinawa, isola giapponese.

Tanto tempo fa, Giove che governava il cielo e la terra, stancatosi degli uomini divenuti cattivi e superbi, decise di punirli.

Chiamò al suo cospetto Vulcano ed gli ordinò di fabbricare un donna splendida; Vulcano si mise all’opera e modellò la donna in argilla, le sagomò un viso dolce e le donò come anima una scintilla dell’Olimpo.

zeus

La donna prese vita e tutte le Dee accorsero con doni: Venere, Dea dell’amore, sparse sulla testa della donna le grazie femminili; Minerva, Dea della saggezza, le fece dono di una cintura di perle e di un abito di porpora e di gemme; le tre Grazie – Aglaia/splendore, Eufrosine/gioia, Talia/prosperità – le donarono magnifici gioielli.

Giove, da ultimo, prima di inviarla fra gli uomini, le diede nome Pandora (donna di tutti i doni) e le consegnò un vaso contenente tutti i tipi di mali raccomandandole di non aprirlo.

Pandora scese sulla terra e tormentata dalla curiosità di guardare nel vaso, un giorno, sollevò il coperchio e… vide uscire un fumo denso e nero che si diffuse ovunque spargendo vizi, malattie e dolori.

Il vaso di Pandora.jpg

Pandora spaventata cercò di richiudere il vaso e si accorse che all’interno era rimasta un’unica cosa: un bellissimo uccellino azzurro, ossia la Speranza. Così comprese che Giove aveva voluto punire gli uomini, ma che aveva donato per ultimo la speranza che non deve mai abbandonare nessuno.

Al di là della leggenda, la Speranza è un dono che dobbiamo custodire gelosamente, rammentando sempre le belle cose della vita, non dimenticando mai di sorridere e guardando al domani fiduciosi, così come anche ci insegnano gli antichi abitanti dell’isola di Okinawa.

assimilation_okinawa-864x576

A questo popolo, infatti, appartiene la parola nankurunasia (in origine Nankuru nai sa), che richiama il bello della vita. Gli antichi di Okinawa pronunciavano con frequenza questa frase, convinti che solo ripetendola si trovasse la pace interiore e la fiducia nel futuro. Insomma trasformandola in un vero e proprio mantra di speranza.

Ripetere a sé stessi che tutto andrà per il verso giusto, avere fiducia nel futuro, coltivare la speranza, è sicuramente una grande spinta a non arrendersi mai ed a pensare in modo ottimistico.

Se c’è la luce della Speranza, anche ciò che appare insormontabile, più essere affrontato; solo la speranza che tutto andrà nel verso giusto può non farci mai perdere la voglia di lottare per quello in cui crediamo, e allora….

non-lasciarsi-dominare-dal-lato-oscuro

 

 

Nankurunaisa,
nankurunaisa,
nankurunaisa,
nankurunaisa,
nankurunaisa,
nankurunaisa,
nankurunaisa, nankurunaisa, nankurunaisa, nankurunaisa, nankurunaisa… nankurunaisa
 

Annunci

4 pensieri su “Nankurunasia – mantra della speranza

  1. Per contro mi sovviene un detto di non ricordo chi “la speranza era sul fondo del vaso dei mali. Non per questo non è un male” e poi si riallacciava al detto “chi visse sperando..”

    Ho strane associazioni di idee XD

    Mi piace

      • Nono certo che no. Ma anche lui era partito bene quando fece questo discorso, mi ricordassi chi era…

        Comunque la cultura di Okinawa è interessante, in un certo senso sono quelli che hanno mantenuto le tradizioni a livello pragmatico, senza troppi fronzoli… anzi sai cosa, voglio vedere se si trovano delle cerimonie del tè della loro zona!

        Mi piace

    • Necessari espletamenti fisiologici a parte, (che riguardano tutti noi, ahimè…), piena solidarietà a quanti, per i motivi più diversi, siano costretti a fare della speranza il proprio pane quotidiano, per attendere con fiducia il domani.

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...