Migliorarsi attraverso un “limite”? Si può…!

“Pensi di avere un limite, così provi a toccare questo limite. Accade qualcosa. E immediatamente riesci a correre un po’ più forte, grazie al potere della tua mente, alla tua determinazione, al tuo istinto e grazie all’esperienza. Puoi volare molto in alto.”
Ayrton Senna

mot01f2_2266922f1_70-kvw-896x504gazzetta-web

Ci sono almeno due atteggiamenti da assumere, di fronte ai nostri limiti (quanti e quali siano, poco importa…).

Il primo (forse quello più impegnativo, ma certamente anche il più gratificante), consiste nel saperli accettare, dopo averli individuati, prendendone serena (ma non arrendevole…), coscienza, per poi “lavorarci sopra”, nel tentativo di contenerne i… danni.

hand-bottom

E’, questo, un atteggiamento “positivo”, “fattivo”, che riesce a spingere i propri benefici, fino a trasformare un limite in una sorta di sfida con se stessi, in un vero e proprio stimolo al miglioramento, facendo leva sulla forza di volontà, sulla caparbietà e, perché no, sui pochi consigli delle persone a noi più care…

forza_di_volonta1

Centrare l’obiettivo risulterà quantomai appagante!

L’altro atteggiamento (forse – ahimè – più largamente diffuso), consiste nell’instaurare, con i nostri “punti deboli”, una comoda convivenza, tollerandone passivamente la presenza (come faremmo con un fastidioso “parassita”); vivacchiando, giorno dopo giorno, immersi in una untuosa “tregua totale”, senza nemmeno abbozzare un “miglioramento”. Puntando, come miglior risultato, non all’eliminazione (ove possibile), di un nostro limite, bensì al suo “camuffamento”.

image

Gli individui che si lasciano tentare da questo tipo di condotta sono, solitamente, personaggi votati all’ “apparire”, al “sembrare”, piuttosto che all’”essere” (l’annoso duello tra “forma” e “sostanza”…), fatalmente convinti che, per avere successo, sia sufficiente “ingannare” se stessi, per poter ingannare, a ruota, anche il prossimo.

autoinganno

Dimenticando, però, che la menzogna, oltre a non poter vantare le gambe “chilometriche” di Naomi Campbell, calza anche una “maschera” di cera: quando l’atmosfera si farà “rovente”, chiunque vi si affidi sarà costretto, suo malgrado, a rivelare il suo “vero” volto…

74hu9vrpwh2

Senza trucco e senza inganno, questa volta…

by Roberto Pellegrini

Annunci

6 pensieri su “Migliorarsi attraverso un “limite”? Si può…!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...