Quando a comandare è l’apparenza…

Un caro amico (che non vedo da diverso tempo), mi telefona, dopo cena:

– Hai tempo per una chiacchierata? -, mi chiede con una voce tesa.

– Certo, perché no! – rispondo , un po’ in allarme.

Venti minuti dopo, passa a prendermi in auto; salgo e abbozzo un sorriso; lui capisce il mio disagio e si destreggia in una spiegazione:

– Scusa se ti ho disturbato – dice – Ma avevo bisogno di “sfogarmi” con un vero amico…! –

mag_1587_1_1531398039

La pacata penombra dell’abitacolo dell’auto, col sottofondo di Miles Davis, nasconde il mio imbarazzo, mentre inizio a sentirmi un po’ l’improbabile “analista” della porta accanto… Ruolo che, francamente, non mi riconosco.

Pazienza.

Dopo qualche battuta, inquadro subito la situazione. Il “problema” è un matrimonio che non funziona più; che forse, anzi, non ha mai funzionato…

iStock-479914476

La vera crisi, apprendo, è scoppiata con l’impossibilità accertata di avere figli. Da allora è stato un lento, ma inesorabile, tracollo del rapporto: interminabili silenzi, mugugni, lunghe serate trascorse a condividere una pesante solitudine…

istock-808417936

La separazione? Chissà… Ma c’è il mutuo della casa, anni di comode abitudini, i parenti, gli amici: le solite, care apparenze, insomma.

Ora, praticamente vivono quasi da estranei (ognuno con una propria “privacy”…), sotto lo stesso tetto: due vite parallele, che non si incontrano più… Forse si osservano da lontano.

divisione-separati-casa

Nella cerchia dei conoscenti e dei colleghi, qualcuno, forse, ha capito qualcosa. Ma poi, alla fine, tutti si fanno gli affari propri; si sa: le gente è pettegola…

Mi rendo conto di essere “testimone” di un dramma “segreto”, probabilmente comune a tante (“ex”) coppie, non solo italiane: mantenere intatta la “facciata” di un matrimonio, con opportuni ritocchi, qua e là, mentre le fondamenta di un legame vanno in pezzi ed i muri portanti marciscono…

matrimonio.jpeg

Ed è sempre triste quando ci si dimentica che il matrimonio, prima ancora di essere un “Negozio Giuridico”, dovrebbe essere un rapporto tra due persone… Possibilmente innamorate.

“Vi dichiaro uniti in matrimonio!”: leggere attentamente le condizioni d’uso, prima della sottoscrizione…

by Roberto Pellegrini

Annunci

11 pensieri su “Quando a comandare è l’apparenza…

  1. Pingback: Quando a comandare è l’apparenza… — Mme3bien – Revolver Boots

  2. che poi, secondo me l’impossibilità di avere figli non è un motivo scatenante per una crisi, ci si unisce per motivi che vanno oltre la procreazione…fondamentalmente quella è una scusa dietro cui nascondere altre motivazioni

    Piace a 4 people

  3. Lo trovo assurdo, specie se ci sono figli di mezzo costretti a vivere in un ambiente di perenne tensione… vuol dire essere incapaci di assumersi la responsabilità di ciò che è cambiato… credo anche che la sterilità di uno dei due non possa essere un “motivo scatenante”, quanto più l’incapacità di formare una famiglia nonostante tutto

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...