Il pino cembro: l’albero del sonno o…

… come lo chiamavano i Romani: “Regina delle Alpi”.

Il pino cembro, detto anche cirmolo, cresce nelle zone alpine a partire dai 1200 metri di altitudine e si estende sino ad oltre 2000 metri. È un albero molto longevo, sempreverde e che raggiunge anche i 25 metri di altezza. I suoi semi si diffondo non con l’aiuto del vento, ma per il lavoro della Nocciolaia che a fine estate estrae i semi dai coni e li nasconde per fare scorte alimentari, purtroppo (o per fortuna) spesso dimentica il nascondiglio ed i semi possono con il passare del tempo germogliare.

Gli abitanti del Sudtirolo, ma anche le altre genti che vivono in montagna, conoscono da tempo i benefici di questo albero e lo usano per arredi, sculture, giocattoli, in gastronomia, in cosmesi e… per dormire, da qui il nome “Albero del sonno”.

Il cirmolo, che contiene vitamina C, resina, trementina, pinosilvina … possiede proprietà altamente rilassanti, confermati anche da studi scientifici, allevia dolori muscolari ed il suo profumo decongestiona le vie respiratorie; tutto ciò era già conosciuto agli antichi Romani che lo sfruttavano a livello terapeutico.

Oggi siamo in grado di affermare, dopo svariate ricerche scientifiche, che il pino cembro favorisce il sonno, rilassa (è in grado infatti di rallentare il battito cardiaco), allevia i dolori muscolari, possiede effetto balsamico, protegge dai parassiti e aiuta l’intestino.

Una buona abitudine è quella di riposare con un cuscino di trucioli di legno di cirmolo che essendo particolarmente rilassante aiuta a rigenerarsi appieno, come suggerito dall’istituto di ricerca austriaco Joanneum Research di Graz, oltre ad avere un profumo piacevolissimo e balsamico.

Provare per credere.

Annunci

Un pensiero riguardo “Il pino cembro: l’albero del sonno o…

  1. Il cembro è il santo fra gli alberi: perché ha le qualità elencate nell’articolo, ma soprattutto perché riesce a crescere anche in un fazzoletto di terra, in una zolla solitaria formatasi fra le rocce, dove nessun’altra pianta d’alto fusto potrebbe svilupparsi. E’ dunque un simbolo della forza della natura e della tenacia delle genti che vivono ai piedi delle montagne. Vedere un cembro, sentirne il profumo, sfiorarne gli aghi a ciuffi con i palmi delle mani, riposare nel fresco della sua ombra: sono tutte cose che aprono il cuore e danno un senso alla fatica di una camminata in montagna.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...