Vestirsi… di ricordi

La giovane mamma “shakera” nervosamente il passeggino, muovendolo ora in avanti, ora indietro, come se impugnasse l’aspirapolvere di casa, davanti al laboratorio di tatuaggi.

Mentre parcheggio (ho incredibilmente trovato un posto, dopo “soli” venti minuti di “agguato”…), riesco ad intravedere la testolina incappucciata di una bambina, che sobbalza, ora di qua, ora di là, seguendo il ritmo di “danza” impostole dal genitore.

Sorrido, perché sono sicuro che la piccola, se solo potesse parlare, avrebbe senz’altro da dire la sua…

E invece, a parlare pensa la mamma; al cellulare, manco a dirlo!

– Sono qui da Piero! -, la sento declamare – Ho portato anche la bambina, tanto non ci vorrà molto: mi faccio tatuare la data del suo comply, sotto quella del matrimonio…! –

E così (ma sono un ignorante in materia), scopro che tra gli appassionati di tatuaggi, non è raro scegliere di “indossare” sulla propria pelle, ad imperitura memoria, date ritenute, per una qualsiasi ragione, significative, come quelle, appunto, di matrimoni, nascite, incontri speciali, o anniversari di qualunque altro genere.

Una volta, per sfogliare, malinconici, il libro dei ricordi, si tirava fuori l’album delle fotografie (quasi sempre “sepolto” nel primo cassetto dell’armadio), riscoprendo così momenti belli (e meno belli), nel “sapore” di vecchie immagini, con relativa data stampigliata sul retro.

Oggi è tutto più semplice: basta darsi un’occhiata allo specchio, dopo la doccia…

by Roberto Pellegrini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...