Fossili in biblioteca…

Talvolta mi pare di vivere le emozioni di un improbabile Indiana Jones casalingo, di un principe dell’Archeologia, modello fai da te. E questo mi succede ogni volta che mi cimento nel tentativo (che non mi riesce mai…), di riordinare la mia biblioteca.

L’altro giorno, ad esempio, mi è capitato tra le mani un libro di un autore tra i miei preferiti: “Dipende”, di Luca Goldoni. È un libro frizzante, divertente e anche molto profondo, com’è nello stile di Goldoni, del resto. Ma che, ovviamente, rende conto di un’Italia che non c’è più. Una sorta di “Come Eravamo” dalle pagine ingiallite; un “Amarcord” del Paese che fu e di cui io ho ricordi un po’ vaghi, dal momento che, in quegli anni (il libro è del 1980, se non erro), ero un giovane studente di belle speranze.

Era un’Italia che affrontava (come del resto fa oggi), i suoi problemi. Che non erano più gravi, o meno gravi di quelli di oggi: erano soltanto problemi diversi. Perché era diversa la società, perché eravamo diversi noi, perché era diverso lo scenario planetario in cui si era chiamati ad agire. E, francamente, non mi sento di indagare se, rispetto a “quel” Paese, oggi siamo migliorati o peggiorati; non me la sento perché, in verità, ho paura della risposta che dovrei, eventualmente, accettare: dignitose “vestigia” di un antico Paese, che emergono tra le “rovine” di un Paese attuale.

by Roberto Pellegrini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...