Oh my God!!!

È proprio il caso di dirlo, visto che nel giro di due mesi gli specialisti esperti del Van Gogh Museum di Amsterdam hanno attribuito al grande pittore olandese ben due opere, sino ad ora considerate dei falsi.

A febbraio è stata la volta della piccola natura morta intitolata Natura morta con frutta e castagne che per più di trent’anni è rimasta nei magazzini del Fine Arts Museum di San Francisco, bollata come falsa.

Qualche giorno fa, dopo un anno di analisi e ricerche il Wadsworth Atheneum Museum di San Francisco, sempre in collaborazione con gli esperti olandesi, ha autenticato il “Vaso con papaveri” attribuendolo a Vincent Van Gogh.

Entrambe le opere sono state datate 1886, anno in cui il Maestro giunse a Parigi e condividono una curiosità, sia l’una che l’altra, sottoposte ad esami ai raggi X non invasi, hanno rivelato la presenza di una pittura sottostante. Cosa non nuova nei quadri di Van Gogh che, versando in condizioni economiche non buone, riutilizzava spesso le tele.

“Vaso con papaveri” era giunto al Museo del Connecticut nel 1957 attraverso una donazione della scrittrice collezioni Anne Parrish Titzell, mentre “Natura Morta con frutta e castagne” fu donata al Museo di San Francisco nel 1960 da una coppia di tedeschi emigrati in america ed oggi è stata rintracciata anche la provenienza del dipinto. In un inventario del 1890, compilato poco dopo la morte di Van Gogh, avvenuta nello stesso anno, c’è un riferimento a “pere e castagne”, con il nome “Bernard”. Si presume possa essere un riferimento all’amico Emile Bernard, importante pittore neo impressionista. Sappiamo inoltre che la madre di Bernard, nel 1899, vendette un’opera con quel titolo e dalle dimensioni corrispondenti al mercante parigino Ambroise Vollard.

Non è certo inusuale che gli esperti del Van Gogh Museum vengano chiamati ad esaminare opere che hanno caratteristiche riconducibili al grande Maestro, ne esaminano sino a 200 ogni anno, ma di tutte queste opere solo 15 sono state inserite nel catalogo ufficiale a nome di Vincent Van Gogh.

Speriamo che entrambe le tele vengano rese quanto prima fruibili al pubblico per poter presto ammirarle ed apprezzarle.

Annunci

4 pensieri riguardo “Oh my God!!!

  1. Nel concetto di arte-scienza, in quanto le opere di Van Gogh sono riconoscibili per il modus pingendi abbiamo sollecitato più volte wikipedia di pubblicare solo immagini ad alta definizione o resterà il dubbio si tratti di lavori eseguiti successivamente da seguaci o stampe …

    Piace a 2 people

    1. Definire di aver scoperto un quadro, il vaso con papaveri, gia catalogato trent’anni fa è una fuck news … la fotografia del quadro a distanza di trent’anni lascia ancora il tempo che trova …
      Vase with Red Poppies
      Catalogues raisonnés:

      F279: Faille, Jacob Baart de la (1970) [1928] The Works of Vincent van Gogh. His Paintings and Drawings, Amsterdam: J.M. Meulenhoff, no. 279 .
      JH1104 : Jan Hulsker (1980), The Complete Van Gogh, Oxford: Phaidon, no. 1104.

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...