L’angolino… del “ripasso” #2

Secondo appuntamento con il nostro angolino del ripasso: panoramica a “briglia sciolta” sulle particolarità della Lingua Italiana, di cui può capitare di dimenticarci…

Primo caso

Quando è usato come particella affermativa, va sempre accentato: sì. In tutti gli altri casi lo useremo senza accento: si.

Esempio: Sì, ti chiamo con wattsapp! / Si stanno preparando.

La grafia si’ con l’apostrofo è invece sempre scorretta, e non va mai usata, tranne che nella forma antica della seconda persona singolare del congiuntivo esortativo del verbo essere sii con troncamento, forma (sii) che a sua volta in determinati contesti viene ancora usata per sostituire la seconda persona singolare dell’imperativo del verbo essere:

Esempio: La seconda enciclica di Papa Francesco si intitola Laudato si’.

Secondo caso

Il congiuntivo imperfetto dei verbi dare e stare, può suscitare qualche dubbio.

In ogni caso, bando alle incertezze: le forme corrette per la terza persona singolare del loro congiuntivo imperfetto sono:

Che egli stesse (e NON stasse),

Che egli desse (e NON dasse)

Terzo caso

Sempre e soltanto senza accento: fa, per la terza persona singolare dell’indicativo presente; con l’apostrofo: fa’, per l’imperativo.

Esempio: Oggi fa molto caldo! / Fa’ quanto ti hanno chiesto!

…INTERVALLO!

a cura di Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...