L’angolino… del “ripasso” #3

Proseguiamo il nostro, speriamo piacevole, ripassone delle regole e delle “stranezze” della Lingua Italiana.

Primo caso

Quando si apostrofa una parola? Presto detto: si apostrofano tutte le parole al femminile, mentre non necessitano di apostrofo quelle maschili.

Esempio: un amico e NON un’amico/un’amica e NON un amica

Secondo caso

Un altro dubbio potrebbe sorgere circa l’utilizzo di a fianco o affianco per dire “a lato di”.

Affianco è, in verità, la prima persona singolare del presente indicativo del verbo affiancare: non va bene.

Per dire “a lato di” la forma corretta è a fianco

Terzo caso

Anche se ci si riferisce a un soggetto maschile, la forma corretta di quest’aggettivo è entusiasta. Questo vale solo quando si parla al singolare perché quando ci riferiamo a più soggetti si distingue nuovamente tra maschile e femminile.

Quindi si avrà entusiasti per il maschile e entusiaste per il femminile, mentre la forma entusiasto è assolutamente sbagliata.

E ora… INTERVALLO!

a cura di Roberto Pellegrini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...