…il canto delle Sirene

Le ultime due prove che Ulisse ed i suoi sventurati compagni dovettero affrontare hanno, a mio parere, un interessante punto in comune: la tentazione.

La prima, arcinota, delle Sirene, vede protagonista l’eroe omerico, famoso per la sua astuzia e per la sua vorace curiosità, che facendosi legare ben stretto all’albero della nave (dopo aver tappato le orecchie dei compagni con la cera d’api), riesce ad ascoltare, non senza soffrirne, ma praticamente indenne, il canto ammaliatore delle Sirene, appunto, vincendo la tentazione di gettarsi in mare e morire.

La seconda, il cui esito nefasto segnerà le sorti di tutti i compagni di Ulisse, vede questi ultimi cedere alla tentazione di uccidere, per cibarsene, le Vacche dalle Corna Lunate, in realtà figlie del Sole, affidate in custodia a due Ninfe, sull’isola del tridente. Nonostante gli avvertimenti di Odisseo, i suoi poveri compagni non resisteranno alla fame, uccidendo le vacche e provocando l’ira del Sole, che scatenerà una tempesta tale da colare a picco l’ultima nave scampata alla guerra di Troia…

Naufragio dal quale si salverà soltanto il re di Itaca.

Quando abbiamo un obiettivo da raggiungere, la determinazione e la concentrazione non devono mai venire meno: una minima flessione in tal senso può rivelarsi fatale. Nell’arco del percorso, che ci porterà al successo, potremmo incontrare diverse tentazioni: quella di cercare una strada più facile; quella di inventarci discutibili scorciatoie; e persino quella di mollare tutto, risparmiandoci una tremenda fatica…

Ma se sapremo resistere, a testa bassa, con gli occhi fissi sulla meta, non potremo fallire.

by Roberto Pellegrini

Annunci

2 pensieri riguardo “…il canto delle Sirene

  1. In realtà qui, dallo stralcio di storia di Ulisse che hai postato, si evince che oltre alla determinazione serve una tecnica, una pratica per ottenere ciò che si vuole. Di fatto con le sirene funziona, ma con il cibo no perchè non si sono preparati, percui la sola determinazione può non essere efficace.
    Scusa l’intrusione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...