…dipende da noi

Certe volte, dopo aver commesso un errore, o un passo falso, lasciamo che questo sortisca tutti gli effetti negativi di cui è capace, perché la nostra consapevolezza di aver sbagliato resta immobilizzata nelle sabbie mobili dell’orgoglio.

Se da un lato, infatti, l’orgoglio va considerato (a ragione…), il pungolo necessario al conseguimento di un risultato eccellente, dall’altro, spesso esso si frappone tra un nostro errore e il coraggio di ammetterlo per tempo e, ove possibile, di innescare la retromarcia, per correre ai ripari.

L’orgoglio sclerotizza la nostra capacità di valutazione, privandoci dell’elasticità mentale necessaria; blocca la bilancia del buon senso, corrompendo gli equilibri della nostra analisi di giudizio. E, questo, in ogni aspetto della nostra vita: dal lavoro, alle relazioni sociali, alla vita di coppia.

Ecco allora che, improvvisamente, non troviamo la forza di dire a qualcuno: “ho sbagliato”; di fare “quella” telefonata; di chiedere: “scusami”; di ricominciare daccapo, senza aspettare di giungere al fatidico “punto di non ritorno”.

by Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...