…un Maestro prezioso

Conoscere i propri limiti significa sapere fino a che punto possiamo “inoltrarci”; capire come superarli, vuol dire farne una risorsa utile alla nostra crescita; subirli passivamente, equivale a chiuderci in un recinto chiuso.

Le convinzioni limitano, il dubbio stimola, la conoscenza rafforza, la consapevolezza illumina.

Detto ZEN

Non è facile ammettere un limite; non lo è per la nostra stessa cultura, che ci porta ad ispirarci a modelli vincenti, dominanti, infallibili, sicuri di sé; capaci di ottenere tutto e subito, puntando dritto alla meta, senza l’ombra di un’indecisione.

Paradossalmente proprio per individui simili, un limite può rivelarsi fatale, un vero e proprio trauma, in grado di bloccare ogni iniziativa successiva, una volta palesatosi.

Questo perché l’orgoglio, spesso, non conduce ad accettare un limite, ma vi si oppone, rinnegandolo, a testa bassa, impedendo, di fatto, di coglierne l’essenza e dunque, rendendolo un drammatico “capolinea”.

Non maledire un fallimento. È il terreno dove cresce l’umiltà.

Yasmine Mogahed

In realtà, invece, l’anima di ogni limite palpita di un prezioso insegnamento.

L’umiltà sa cogliere questo palpito, ponendoci nell’atteggiamento di chi, di fronte a un ostacolo, non ci “sbatta” contro, per abbatterlo, bensì lo aggiri, includendolo, in fondo, nel proprio percorso esistenziale.

by Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...