6 Dicembre

I sempreverdi

Molto tempo fa, un piccolo uccello si ruppe un’ala proprio all’arrivo dell’inverno e non potendo volare verso il sud cominciò a saltellare nella foresta alla ricerca di un riparo.

Per iniziare chiese aiuto ad una betulla :

Splendida betulla, ho rotto un’ala e bisogna che mi trovi un riparo per restare al caldo. Mi faresti rimanere fra i tuoi rami fino a 
quando arriverà la primavera?

Certamente no, rispose la betulla. Ho già abbastanza problemi con le
mie foglie durante l’inverno. Non ho tempo per occuparmi di te.

Il piccolo uccello saltellò fino ad una immensa quercia.

Potente quercia, chiese educatamente, mi lasceresti vivere fra i tuoi
rami fino a primavera?

Sicuramente no, rispose la quercia, conosco quelli della tua specie, 
ti mangeresti tutte le mie ghiande. Vattene!!!

Il povero uccello arrivò fino ad un salice:

Gentile salice, implorò l’uccellino, potrei vivere tra i tuoi rami fino
a primavera?

Tu scherzi, rispose il salice. Può darsi che qualche albero accetta 
degli estranei. Io, no di certo. Vattene!!!

Debole e respinto, l’uccellino cominciò a vagare non sapendo
dove andare.

Dove vai, piccolo uccellino? chiese una voce preoccupata.

L’uccellino si voltò e vide una picea (abete rosso) che aveva
un’aria amichevole.

Non lo so, rispose tristemente, la mia ala è rotta e io non posso volare verso sud e ho bisogno di un riparo al caldo per passare l’inverno.

Vieni a vivere tra i miei rami, disse la picea, sarei contenta di avere compagnia durante l’inverno.

L’uccellino svolazzo con gratitudine verso un ramo basso. 
Si stava sistemando quando un pino li accanto gli disse:

Benvenuto piccolo uccellino. Mi dispiace che tu sia ferito. Io ti aiuterò proteggendo te e la picea dai venti gelidi dell’inverno.

Anch’io, disse una piccola voce, era un piccolo ginepro. Io ti aiuterò dandoti i miei piccoli frutti da mangiare per tutto l’inverno.

Voi siete molto gentili, rispose l’uccelino.
Grazie tante.

Lo rimpiangeranno, dissero sospirando la betulla, 
la quercia e il salice.

Il mattino dopo, Jack il Gelo, fece uscire i suoi bambini 
per portarli a giocare.

Noi toccheremo tutte le foglie degli alberi della foresta così vedremo a cosa somiglieranno quando non avranno più foglie e saranno nudi. 
Possiamo Papà, possiamo Papà, chiesero i bambini di Jack il Gelo saltando per la gioia.

Un momento, disse Jack che aveva fatto un giro durante la notte e 
aveva visto quel che era successo al piccolo uccellino,
non dovete toccare gli alberi che sono stati gentili con l’uccellino.

Essendo dei bravi ragazzi, i figli di Jack il Gelo 
obbedirono al loro papà.

Ecco perché la picea, il pino e il ginepro rimangono verdi tutto l’anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...