Un’esistenza da… vivere

L’Essere Umano non si limita a “esistere”: egli “vive”.

Tutto “esiste”: gli alberi, le montagne, gli oceani, gli animali…
Ma “vivere” (al di là di un elementare riscontro squisitamente “biologico”), significa anche maturare un variegato “percorso” di coscienza di sé, in grado di condurre alla piena consapevolezza della differenza tra l’ “essere Uomo” e il resto dell’ “esistente”, appunto.

Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte della gente esiste, ecco tutto.

Oscar Wilde

Per giungere a questa consapevolezza, l’Uomo può riferirsi all’aiuto insostituibile di alcune “esperienze/precettori” (amicizia, solidarietà, ecc.), tra le quali, senza ombra di dubbio, ne spicca una, in particolare: l’Amore.

Amare presuppone, infatti, non soltanto la decisa percezione e, diremmo, il “desiderio/bisogno” dell’ “altro”, ma anche (e forse soprattutto), l’apparentemente “scontata” coscienza di sé, del proprio ambito emozionale ed emotivo, che è alla base della consapevolezza di ciò che, in amore, si ha la certezza di “dare” e di ciò che si crede di “ricevere”.

Più l’amore è profondo e più diventa “fragile”

Roberto Pellegrini

by Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...