Facce da… Covid

L’uso “forzoso” (ma provvido), di queste insopportabili mascherine (che, lo avrete notato, si stanno trasformando in un vero e proprio accessorio di moda…), ci ha privato di un tassello importante del nostro modo di relazionarci con gli altri: il “linguaggio” della mimica facciale, dell’espressività del volto.

Noi Italiani, poi, siamo noti nel mondo per la nostra, diremmo innata, inclinazione all’uso del corpo, per comunicare: prerogativa che non abbiamo mai tentato di respingere al mittente, ma che accettiamo di buon grado, come un simpatico “luogo comune”…

“Il volto di un uomo è la sua autobiografia. Il volto di una donna è la sua opera di fantasia.”

Oscar Wilde

Quando parliamo (ma anche quando si ascolta), le parole che diciamo (o quelle che ascoltiamo), “disegnano” sul viso le emozioni di cui esse sono i naturali e più diretti portavoce, esattamente come farebbe un “pittore” di consumato mestiere, indugiando con “tocchi” sapienti, per “raccontare anche le più piccole sfumature delle sensazioni che si agitano nel nostro cuore, in quel preciso istante…

In questo particolarissimo periodo, invece, oltre che ad una più calda disamina dei “colori” diluiti nel tono della voce, tutto è affidato all’”incrocio” degli sguardi, all’interpretazione istintiva della loro “intensità” e della loro voglia di indugiare l’uno nella profondità dell’altro, intrecciando o “cavalcando” legami già forti da tempo, o appena imbastiti…

by Roberto Pellegrini

2 pensieri su “Facce da… Covid

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...