Ma se una “tira” l’altra…

È decisamente più facile azzardarne una definizione, piuttosto che indagare sui motivi che spingono a servirsi di essa…

La menzogna (e questa è la definizione), è “un’alterazione o falsificazione verbale della verità, perseguita con piena consapevolezza e determinazione”.

Riguardo alle ragioni che inducono a ricorrervi, come si diceva, il discorso si fa più complicato, assumendo innumerevoli sfaccettature; ma mi pare di poter assumere per “scontato” la circostanza secondo cui a spingerci a ricorrere alla menzogna sia un sicuro “timore” della verità, di “quella” verità che si vorrebbe evitare.

Quindi è probabile che si scelga di “mentire”, proprio per “cavarsi” dai guai; per togliersi dagli impicci, insomma…

Mentire, cioè, si rivela una comoda scorciatoia in grado di allontanare la responsabilità di dover gestire e affrontare una certa situazione.
Menzogna come “fuga” dalla realtà (che non “piace”), allora.

Anche chi si rifugia nell’uso (anzi: nell’abuso), di alcol, ad esempio, mi pare che percorra una sua “via” di fuga dalla realtà, finendo per cadere, a lungo andare, nel “vizio” e, in definitiva, nella “dipendenza”, se non da una “sostanza”, certamente da un “comportamento”.

Il parallelismo non appaia eccessivo: chi inizi a fare uso della “bugia”, ottenendone, da subito, un innegabile “sollievo”, finisce inevitabilmente per preferire questa condotta “deviata”, trasformandosi, quindi, in un individuo “affetto” da dipendenza dalla… menzogna.

by Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...