A te… la scelta

Scendere a compromessi: sì, o no?

Nella vita di ciascuno di noi può succedere che il ventaglio delle scelte possibili non si limiti al “bianco”, o al “nero”, ma arrivi a spingersi più in là, proponendoci una terza via: il “grigio”; quella del compromesso, appunto.

“Non posso certo sottrarmi in alcun modo ai difetti e alle debolezze inerenti per necessità alla mia natura come a ciascun’altra: ma non li accrescerò con indegni compromessi.”

Arthur Schopenhauer

Ora, tutto sta a capire come si intenda considerare questa ambigua alternativa: come un chiaro segno di debolezza e mancanza di carattere, oppure come “virtuosismo” di una spiccata scaltrezza, e prerogativa di una camaleontica diplomazia.

In effetti decidere per il “bianco”, piuttosto che per il “nero”, il più delle volte comporta drastiche riduzioni degli “orizzonti” navigabili, senza possibilità di “ritorno”; laddove, invece, un accomodante “grigio” finirebbe per salvare “capra e cavoli”…

Quale sia l’atteggiamento più “giusto” è fin troppo arduo da sentenziare.
Certamente, nella vita c’è chi si “accontenta”, evitando di assumere posizioni “nette” e chi, al contrario, punta dritto alla meta, senza perdere mai di vista lo scopo finale: il successo, il conseguimento di un obiettivo. Magari ambizioso…

Nel fermo convincimento che per mantenere in piena salute l’albero della nostra vita, sia sempre opportuno liberarsi dei “rami secchi”…

by Roberto Pellegrini

2 pensieri su “A te… la scelta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...