Ciao, Willy!

L’indignazione di Conte, per la brutale esecuzione di Willy, a Colleferro, ad opera di quattro scellerati, due dei quali fratelli, esperti di arti marziali estreme, è l’indignazione di tutti noi. È l’indignazione di una Nazione.

Morire a vent’anni è già crudele di per sé: uno smacco, un rude sgambetto tesoci dal destino. Ma morire così, come è morto Willy, è follemente assurdo.

Non è un buon momento per l’Italia “che indaga” (l’ultimo riscontro: i resti di una povera donna scambiati per quelli di un cane…), per questo ci auguriamo tutti che i mascalzoni che hanno giustiziato Willy siano puniti con tutta la severità possibile, senza se e senza ma. Perché di se e di ma, stavolta, proprio non ce ne sono. E non ce ne devono essere…

Non possono sussistere, per chi ha agito come quei quattro killer, anche soltanto le ipotesi di attenuanti o giustificazioni di qualche tipo. Può esistere solo la certezza di un gesto disumano e la viva speranza di un consapevole pentimento, che possa maturare in coscienze che, francamente, non hanno ancora dato cenni di sé… Fino ad ora.

by Roberto Pellegrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...