..che metamorfosi

Capitasse anche una sola volta nella vita, sarebbe già una volta di troppo: ne avremmo fatto volentieri a meno.

Ma purtroppo capita, e senza che ci sia bisogno del nostro “incoraggiamento”…

Le persone che incontriamo e che, per un motivo o quell’altro, iniziamo a frequentare (per lavoro, per svago, ecc.), finiscono, quasi sempre, per aprirsi una breccia nel nostro “muro” di (comprensibile) diffidenza, conquistando, un po’ alla volta, la nostra fiducia, e persino la nostra stima.

Punti di vista in comune; interessi ed esperienze da condividere; giornate da trascorre insieme in ufficio: tante sono le circostanze che possono favorire la nascita di quella che, naturalmente, possiamo definire “amicizia”.

Non è certo cosa da poco, specialmente ai giorni nostri, spingersi a considerare qualcuno un “amico”; ma quando questo accade vuol dire che, da quel momento in poi, da quella persona non ci aspettiamo un “volta faccia”, un “colpo basso”…

Ma, come si dice: “Homo homini lupus!”… E qui torniamo al “purtroppo” d’apertura: per i motivi più diversi, certi individui sono pronti a calpestare in un batter d’occhio tutto ciò che, di buono, si è “costruito” insieme. Ecco, allora che un’amicizia sulla quale magari iniziavamo a fare conto, si frantuma; si discioglie; si trasforma.

Una “metamorfosi” repentina, oltre che, il più della volte, del tutto inattesa.
Infatti ci sorprende; ci tramortisce; ci getta nello sconforto.

E le ragioni di tutto questo?

La casistica al riguardo è piuttosto monotona, ripetitiva: a volte il “colpevole” è un “arrivismo” esasperato, innescato dalla corsa verso un comune obiettivo professionale; altre volte c’entrano le classiche questioni di “cuore”, confuse in un turbine di gelosia e di insicurezze…

Ma è probabile, che alla base di simili (e tutt’altro che infrequenti), comportamenti ci sia l’inconsistenza di un’amicizia (che credevamo tale noi, perlomeno), che, in realtà non è mai esistita veramente….

Errori “prospettici” (o “fregature”, se preferite), che nella vita possono capitare a chiunque: duri da digerire, ma vanno “metabolizzati” alla svelta, per trarne il giusto (e prezioso…), insegnamento.

by Roberto Pellegrini

2 pensieri su “..che metamorfosi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...