La Salina di Margherita di Savoia…

…simbiosi perfetta tra natura incontaminata e fauna selvaggia.

La Salina di Margherita di Savoia, la più grande d’Europa, è situata sul litorale adriatico all’estremo limite della Daunia a 5 km dall’Ofanto; si estende su una fascia lunga circa 20 km spingendosi all’interno per una profondità massima di circa 5 km occupando un’area complessiva di circa 4.500 ettari.

La salina, le cui origini risalgono al 200 a.C., dichiarata Zona Umida di importanza internazionale, è la più estesa “Riserva naturale di popolamento animale” dell’Italia centro-meridionale, nella quale coesistono tra i 20.000 ed i 50.000 esemplari di specie, tra pesci ed uccelli.

Nell’antichità, a Margherita di Savoia, il sale si formava in modo spontaneo all’interno di conche create da fiumi torrentizi che, trasportando una grande quantità di detriti, col passare del tempo, provocarono la formazione di tanti isolotti paralleli alla costa, dando così vita ad una laguna. A questi detriti se ne aggiunsero altri provenienti dalle correnti marine che si depositarono tra gli isolotti della laguna formando un cordone ininterrotto. Questi nei decenni si sedimentarono a tal punto da formare vero e proprio suolo, dando vita al lago Salpi.

Alcune vasche presenti ancora oggi testimoniano le preistoriche origini della salina di Margherita di Savoia. Si tratta di due cabalette circolari scavate su una piattaforma di pietra nell’Età del Bronzo, impiegate per lo scolo dei sali di magnesio dai cumuli di sale.

La prima testimonianza grafica dell’esistenza della salina e della relativa produzione è rappresentata dalla Tavola Peuntigeriana, ossia una riproduzione medievale che rappresenta l’impero romano del sec. III d. C..

In questa tavola vi è un chiaro riferimento all’antico centro abitato denominato SALINIS. Nel sec. XII le saline erano sotto la giurisdizione di Canne e perciò denominate SALINAE CANNARUM. Nel 1294 il territorio di Canne e di conseguenza le saline furono annesse a Barletta, assumendo così la denominazione di SALINE DI BARLETTA.

Altre rappresentazioni grafiche dettagliate della salina si sono avute nei secc. XVI, XVII, XVIII, quando sotto il dominio della famiglia reale assunsero il nome di REGIE SALINE.

Nel ‘700 la salina occupava solo l’estremità più meridionale del lago Salpi che veniva indicato come “Pantano di Salpi” a causa delle sue acque basse fangose e quasi stagnanti. Così, per assicurare il ricambio e la circolazione dell’acqua, fu scavata una seconda foce di collegamento con il mare, ponendo le basi per creare l’ambiente straordinario che è oggi.

Dalla metà del sec. XVIII a oggi il lago fu bonificato e trasformato per la maggior parte nella salina attuale.

Nel 1879 il paese assunse il nome di Margherita di Savoia in onore della sposa di Umberto I.

Il processo di cristallizzazione del Cloruro di Sodio – sale da cucina – è rimasto pressoché identico anche a distanza di millenni e l’opera dell’uomo, è valsa soltanto a moltiplicare e migliorare la produzione e i sistemi di raccolta.

Quindi il Sale Marino Italiano che consumiamo oggi è lo stesso oro prezioso che si contendevano i Romani, le popolazioni dopo di loro… e addirittura le precedenti.

In questo ambiente così magico, che custodisce l’oro antico: il sale, si crea una perfetta simbiosi tra la flora più incontaminata e la fauna più selvaggia.

È un susseguirsi di nicchie ecologiche diverse, che a seconda della profondità delle acque, della loro concentrazione salina e della presenza o meno di argini, lasciano proliferare infinite specie vegetali e soprattutto animali; qui è facile avvistare uccelli rari, legati agli ambienti acquatici, come le avocette, il gabbiano corallino, chiurli, piro piro, i rarissimi falchi pescatori e finanche i fenicotteri rosa che sono giunti in Salina nel 1986 e trovando l’habitat perfetto, da allora si riproducono stabilmente in Salina, e vi svernano con punte di 9.000 esemplari, di cui stanziali 4000.

La bellezza del paesaggio era tale che Federico II pronunciò una storica frase: “Se il Signore avesse conosciuto questa piana di Puglia, luce dei miei occhi, si sarebbe fermato a vivere qui”.

Se decidi di recarti in visita alla Salina non dimenticare il binocolo.

Binocolo Professionale, BOOVV 12×42 HD Binocolo Potente Compatto Notturna con Prisma BaK4 e FMC, Adattatore Smartphone

Nota benese sei solito fare acquisti su Amazon clicca per accedervi sui link e sui banner che trovi all’interno dei post; entrando su Amazon dal nostro blog sosterrai la redazione di Mme3bien nel migliorare il servizio.

4 pensieri su “La Salina di Margherita di Savoia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...