Il “primo passo”…

Conosciamo gli altri “attraverso” noi stessi; dunque più a fondo conosciamo noi stessi, meglio conosceremo gli altri.

Per avere successo nella vita, quindi, la questione non sembrerebbe essere “quanto conosco gli altri”, bensì “quanto conosco me stesso”.

Dato per acquisito questo punto, il fulcro di queste semplici considerazioni si sposta su una domanda precisa: cosa significa conoscere se stessi?

Il quesito non è certo di quelli da prendere sotto gamba…

Già per gli antichi Greci (che in quanto a saggezza la sapevano ben più lunga di tanti altri…), il celeberrimo “Gnòthi Seautòn” (“Conosci te stesso”, cui abbiamo già fatto cenno in altre occasioni), rivestiva un ruolo di primissimo piano nel percorso di crescita personale intrapreso da ciascuno di noi; percorso che dovrebbe partire, innanzitutto, focalizzando (ed è questo, fondamentalmente, che intendevano i Greci…), quelli che sono i nostri limiti, le nostre debolezze: in una parola: la nostra “innata” fragilità, quindi.

Nessuna battaglia del resto si “vince” affrontando il “nemico” senza aver ben chiari soprattutto i propri punti deboli, prim’ancora che quelli dell’avversario…

Primo passo, quindi, sia sempre l’umiltà, certamente in grado di “indirizzare” il nostro viaggio, alla ricerca di noi stessi, verso la giusta direzione…

by Roberto Pellegrini

3 pensieri su “Il “primo passo”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...