Un… “gigante” dell’Art Dèco

Quando, nel 1933, King Kong, al suo esordio come spaventevole star del cinema mondiale, ne “violava” l’incredibile altezza, centimetro dopo centimetro, arrampicandosi fino alla sua cima, l’Empire State Building compiva appena due anni, ma se ne parlava già in tutto il mondo...

Lo spettacolo dell’Arte

Il recente show virtuale parigino (ma non solo…), offertoci dall’Haute Coture, a tratti decisamente incantevole (si pensi ad esempio, al superbo lavoro presentato da Mr. Georges Hobeika), nonostante le vincolanti limitazioni imposte dal Covid, ci fornisce l’occasione per tornare su un argomento sempre molto stimolante, sempre attuale: l’Arte...

Sculpteurs de la forme

L'idea di una mostra che unisse due geni indiscussi della storia della moda - Azzedine Alaïa e Balenciaga - venne, pochi mesi dopo la morte del primo e decenni dopo la morte del secondo, a Hubert de Givenchy che si recò presso la Fondazione Alaïa manifestando questo suo desiderio...

La giusta prospettiva?

Le immagini del TG1 delle 13,30 sono eloquenti, agghiaccianti: mostrano l’aggressione di un giovane, credo nordafricano, ad opera di tre teppisti. Senza pietà, si vede chiaramente il malcapitato stramazzare al suolo, dopo i primi colpi (alle spalle), per poi venir letteralmente “riempito” di calci da quei “bravacci” (non si offendano i personaggi di Manzoniana memoria…), i quali, una volta dato sfogo alla propria furia belluina, lo lasciano a terra agonizzante, per darsi alla macchia, con la complicità di una notte fonda, fin troppo calata nei sogni...

Un risveglio… dolcissimo

Apuleio, scrittore latino del II d.C., nel suo romanzo "L'asino d'oro" ne narra la romantica vicenda: Amore, figlio di Venere, inviato dalla madre a controllare una splendida ragazza, Psiche, la cui bellezza era giunta fino alle orecchie della dea, finisce per innamorarsene. La vicenda del tormentato amore tra i due si concluderà con un lieto fine, quando Amore, con un bacio, risveglierà l'amata, caduta, a seguito di una punizione impartitale dalla stessa Venere, in un profondo sonno. Ecco: il geniale scultore Antonio Canova (1757-1822), il "Nuovo Fidia", nella sua opera "Amore e Psiche", appunto, immortala proprio il momento del risveglio della fanciulla, tra le braccia dell'amato...