…spiaggia tua, spiaggia mia!

Primo giorno di mare; il colorito della mia pelle non dà adito a dubbi: sono una “matricola” della tintarella, una “mozzarella” allo sbaraglio e per qualche giorno dovrò stare attento a “dosare” sapientemente ore di sole e crema protettiva sulle spalle, se non voglio finire arrostito (come, del resto, mi capita ogni anno…

Chi ha detto che il galateo non è più di moda?

Più che mai oggi il galateo è attuale e ci sono regole di bon ton che andrebbero seguite, perchè sono alla base di un comportamento che ci permette di evitare situazioni a dir poco imbarazzanti. Le regole del galateo vengono da lontano, hanno infatti origine dal trattato di Monsignor Giovanni della Casa: Galateo overo de' costumi. In questo testo, che ha influenzato gli usi ed i costumi della società occidentale, troviamo regole su come vestirsi in determinate situazioni, quali vocaboli usare e quali gesti dovremmo evitare. Vediamo insieme alcune di queste regole, tutt'ora utili, per essere considerate persone educate...

Ma chi è elegante, è anche bello e si veste bene?

La parola elegante deriva dal latino eligere e come si legge sul vocabolario si dice di un atto o di una persona che possiede grazia e semplicità, buon gusto e cura, senza troppa ricercatezza. Quindi deduco: che l'eleganza è una dote innata, come lo è la bellezza, che non è certo un abito che rende una donna elegante e che non sempre chi possiede la dote di essere elegante ha anche un bell'aspetto fisico...

Profumo, qualche suggerimento

Nei musei archeologici vi sarà sicuramente capitato di imbattervi in tanti contenitori per unguenti, questo dimostra quanto sia antica la storia del profumo. In seguito il successo del profumo è stato dovuto alla necessità di camuffare odori poco gradevoli derivanti dal fatto che nel Settecento non si usava farsi regolarmente il bagno. Oggi è solo un piacere, ma è molto importante scegliere quello più adatto a ciascuno di noi; è risaputo che il profumo deve ben coniugarsi con l'odore naturale di una persona, oltre che essere in sintonia con la personalità ed il carattere. Plauto affermava "Mulier recte olet ubi nihil olet" (la donna ha un buon profumo quando non ha alcun profumo), direi che forse è un po' esagerato, anche se non si deve mai cadere nell'eccesso opposto. "Fare il bagno" nel profumo e di conseguenza lasciare scie intense dietro di sè non è affatto signorile. E' sufficiente metterne un po' sui polsi e dietro le orecchie. Siate sempre discreti, solo in questo caso potrete utilizzare il profumo come arma di seduzione. Questo vale anche per gli uomini. Un'altra cosa assolutamente da evitare è compiere l'arte di farsi belli in pubblico, quindi se dovete ri-vaporizzare il vostro profumo fatelo in un luogo appartato. Quindi tre regole fondamentali: scegliete il profumo che più vi rappresenta e che meglio si sposa con la vostra pelle, al di là delle mode; non eccedete mai; non fate in pubblico il ritocco giornaliero.