Forse non tutti sanno che…

… in Molise, arroccata su di un colle, sorge la capitale dell’uncinetto.
Si tratta di Trivento – località in provincia di Campobasso; paese dalla lunga storia che una leggenda narra essere sorto alcuni secoli prima di Roma.
Proprio qui, dove la scalinata di San Nicola si snoda con ben 365 gradini (uno per ogni giorno dell’anno) sino a raggiungere la parte alta del paese, Lucia Santorelli si sofferma a pensare su cosa si potrebbe fare per valorizzare il territorio…… Read More Forse non tutti sanno che…

Non è mai troppo tardi per imparare

Ad un’appassionata di filati come me, non poteva certo mancare la visita al piccolo Museo della Lana di Caminata – BZ.
Caminata è una piccola frazione di Campo Tures in Valle Aurina – Trentino Alto Adige; in questi luoghi, dove gli inverni sono lunghissimi, i contadini, un tempo, erano completamente autosufficienti e si preoccupavano di farsi da sé i loro vestititi…… Read More Non è mai troppo tardi per imparare

Il bianco “latte”… dello Spazio

Via Lattea: certamente, pur senza essere astrofisici o astronomi di professione, leggendo queste due parole, istintivamente lo sguardo di chiunque si orienta verso la volta celeste… La Via Lattea, infatti, è una Galassia; forse la più “famosa” delle galassie; quella di cui facciamo parte anche noi, con il nostro Sistema Solare.
Una galassia è un grande insieme di stelle, sistemi, ammassi ed associazioni stellari, gas e polveri (che formano il mezzo interstellare), “legati” dalla reciproca forza di gravità. Il nome deriva da un termine greco,…… Read More Il bianco “latte”… dello Spazio

Lana di yak

Lo Yak (Bos grunniens) è un enorme bovino originario dell’Asia centrale, allevato e rispettato dagli uomini perché fondamentale per la sopravvivenza delle comunità rurali.
Pensate, oltre che fornire latte e lana, essere utilizzato come animale da soma per l’aratura ed il trasporto, persino i suoi escrementi – opportunamente essiccati – diventano essenziali…… Read More Lana di yak

Pupi ri zuccaru

Per i bambini siciliani: né dolcetto né scherzetto, ma pupi ri zuccaru o pupaccena, non pupi qualsiasi, ma pupi di e per la cena sacra. Da mangiare con uno specifico stato d’animo che apre le porte al rito della spiritualità.
In Sicilia non esisteva l’usanza di scambiarsi doni per il Natale, perché si faceva per la Festa dei Morti, questa tradizione è ancora viva e tiene testa alla festa celtica di Halloween…… Read More Pupi ri zuccaru