…senza onore, né gloria

Invisibili, determinati, silenziosi, spericolati, spietati, scaltri, agilissimi… E sempre letali…: sono soltanto alcuni degli innumerevoli aggettivi con i quali potremmo cercare di “raccontare” i Ninja, figure tutt’altro che “raccomandabili”, ci sentiamo di sottoscrivere, in equilibrio tra realtà storica e leggenda.

Non ci si può confrontare con l’antico Giappone dei Samurai, senza incappare, prima o poi, nella cruenta reputazione di questi… individui senza scrupoli, né Codici d’Onore ai quali riferirsi (si pensi al Bushido, per i Samurai).

Ninja erano spie mercenari del Giappone feudale. Read more…

Annunci

#2 Fede, amore e speranza: i fari in questo mare in burrasca

Eccoci giunti all’ultimo appuntamento con le leggende giapponesi, spunto di riflessione, relative al tema: “Fede, amore e speranza: i fari in questo mare in burrasca”.

La fede, ossia il fatto di credere con assoluta convinzione nella verità e giustezza di un assunto, qualunque sia per voi, vi auguro – come diceva Sant’Agostino – che sia illuminante.

sun

Vi invito a leggere la leggenda senza perdere di vista la filosofia giapponese che la anima, in caso contrario potrebbe sembrarvi fuori luogo.

Il ciliegio del sedicesimo giorno

Nel distretto di Wakegori, che appartiene alla provincia di Iyo, c’è un ciliegio famoso e antichissimo chiamato Jiu-roku-zakura, ovvero «ciliegio del sedicesimo giorno», perché fiorisce tutti gli anni il sedicesimo giorno del primo mese (secondo il vecchio calendario lunare), e quello soltanto.

14667522e9a9d021187232976180

Il tempo della sua fioritura cade quindi nel Periodo del Grande Gelo, sebbene per regola naturale i ciliegi attendano la primavera prima di azzardarsi a fiorire. Il fatto è che nello Jiu-roku-zakura fiorisce una vita che non è − o almeno non lo era in origine − la sua. In quell’albero alberga lo spirito d’un uomo.

Era egli un samurai di Iyo e l’albero cresceva nel suo giardino e fioriva, insieme a tutti gli altri, verso la fine di marzo e i primi di aprile. Aveva giocato sotto quell’albero quando era bambino; i suoi genitori, i suoi nonni e i suoi antenati avevano appeso ai suoi rami in fiore, una stagione dopo l’altra, per più di cento anni, strisce di carta colorata che recavano scritte poesie di lode.

tumblr_inline_n2db44v4qr1sbbyze

Lui stesso era diventato vecchissimo sopravvivendo ai suoi figli e non gli era rimasta altra creatura da amare che non fosse il ciliegio. Ma, ahimè, durante l’estate di un certo anno, l’albero si avvizzì e morì. Il vecchio se ne dolse oltre ogni dire. Invano cortesi vicini gli trovarono un altro ciliegio, giovane e vigoroso, e lo piantarono in giardino, con la speranza di recargli conforto. Li ringraziò di cuore e dette mostra di aver ritrovato la felicità. Ma in realtà aveva la morte nel cuore, perché così teneramente aveva amato il vecchio albero che nulla avrebbe potuto consolarlo.

Alla fine gli venne in mente una buona idea: si ricordò come si può salvare una albero morente. Era il sedicesimo giorno del primo mese. Si recò da solo in giardino e s’inchinò davanti all’albero avvizzito rivolgendogli le seguenti parole: «Ti scongiuro di fiorire ancora una volta… perché sto per morire al posto tuo». (È convinzione diffusa, infatti, che si possa immolare la propria vita per un’altra persona, o per qualsiasi essere creato, compreso un albero, purché si ottenga l’aiuto degli dèi; e questa trasmigrazione dell’esistenza è espressa dalle parole migawari ni tatsu: «agire per sostituzione».)

6859352594_b69800106d_b

Allora il vecchio distese sotto l’albero un telo candido e vi depose alcuni cuscini, quindi vi s’inginocchiò e fece hara-kiri, alla maniera dei samurai. E il suo spirito trasmigrò nell’albero e lo fece fiorire in quel preciso istante.

E tutti gli anni continua a fiorire il sedicesimo giorno del primo mese, nella stagione delle nevi.

1281672535abtazeq

#1 Fede, amore e speranza: i fari in questo mare in burrasca

Mi piace considerare la speranza come un dono, come diceva il poeta Charles Péguy: “Per sperare… bisogna… aver ricevuto una grande grazia

speranza-1

La speranza è una convinzione fiduciosa ed ottimistica che accende i moti dell’anima e spinge alla ricerca della felicità. Vi è la speranza universale che riguarda la pace ed i problemi del mondo, e c’è una speranza individuale che ci spinge a non arrenderci mai alla ricerca della nostra personale felicità.

Gli esseri umani sono alla continua ricerca della felicità e la speranza è ciò che li sostiene in questo cammino. La sapienza greca affermava che tutta la nostra vita è piena di speranze e che la speranza è una “consolazione naturale” che quando siamo afflitti dalla disgrazia ci spinge a superare la paura.

speranza

Oggi pubblichiamo la seconda leggenda giapponese, spunto di riflessioni sulla speranza.

Sakura e la kokeshi

Sakura era nata quando i ciliegi fioriscono e i suoi genitori l’avevano chiamata con il nome del fiore che simboleggia l’anima del Giappone: bellezza e delicatezza, ma anche caducità dell’esistenza.

1412892-poster-deco-enfant-kokeshi-sakura-fleurs-de-cerisier-kawaii-3

Sakura era cresciuta in un villaggio di contadini, dove i suoi genitori coltivavano il riso e qualche ortaggio per il fabbisogno della famiglia. Ogni tanto ella si recava in città, al mercato, per venderne un po’, che raccoglieva dal piccolo orto domestico.

Allora si metteva in viaggio assieme ad altri bambini, lungo la strada che costeggiava il fiume; il gorgoglio dell’acqua li guidava, ma essi si tenevano a debita distanza, perché sapevano che vicino ai fiumi vivevano i Kappa, esseri spaventosi che rapivano i bambini.

Un giorno mentre tornava da sola verso la sua casa venne catturata da una banda di briganti, che la legò e la rinchiuse in una cassa di legno. Venne caricata su un carro che sobbalzava ad ogni buca della strada sconnessa, come il suo piccolo cuore, che batteva al ritmo di un tamburo impazzito. Attraverso le assi poteva vedere il villaggio farsi sempre più piccolo e lontano.

I suoi genitori la cercarono disperatamente per giorni e giorni, ma non trovando alcuna traccia della figlia scomparsa, pensarono che fosse scivolata nel fiume, inghiottita dall’acqua. La mamma però, non si rassegnò e ogni giorno si recava al tempio per pregare il buon Jizo, il dio protettore dei bambini, di vegliare su Sakura.

Il padre invece scolpì nel legno d’acero una Kokeshi, una bambola con il corpo cilindrico e la testa sferica; la mamma dipinse la sfera con lievi tratti che ricordassero il viso di Sakura ed il cilindro con un ramo di ciliegio fiorito, come fosse un Kimono delicato. Sul fianco scrisse il nome della bambina e una preghiera affinché potesse essere ricordata e, un giorno, tornare a casa. Ogni mattina accendeva con devozione un bastoncino d’incenso accanto alla Kokeshi, come suggeriva un’antica tradizione, per non dimenticare mai la persona scomparsa.

a490251_1

Sakura venne condotta in una casa malfamata, assieme ad altre bambine rapite o vendute dalle famiglie e cresciute come schiave per soddisfare le cattiverie umane. Una sera, dalle lanterne accese, appese nella veranda di quella che per lei era diventata un’orribile prigione, scoppiò un incendio. In un attimo la casa, di legno, prese fuoco.

Sakura, agile come un gatto, riuscì a fuggire e, sebbene spaventata, si mise in salvo, ma non sapeva dove dirigersi. Improvvisamente si trovò davanti al fiume… risalendo la corrente sarebbe tornata a casa! Era convinta della sua idea e lungo la strada del ritorno ogni tanto incontrava una statua di Jizo, vestito da buon monaco, che la incoraggiava a procedere. In alcuni tratti qualcuno la faceva salire su un carro, e dopo alcuni giorni si illuminò alla vista del suo villaggio che le comparve davanti agli occhi.

Era giunta a casa, era salva! I suoi genitori corsero ad abbracciarla e la circondarono di amorevoli attenzioni per farle dimenticare la terribile esperienza. Appena ristabilita abbracciò la sua Kokeshi che aveva tenuto accesa la luce della speranza, dalla quale non si separò mai.

Ma attenzione… come scrive Roberto Pellegrini in un suo aforisma:

L’Illusione è la “figlia” bugiarda della speranza

Fede, amore e speranza: i fari in questo mare in burrasca

La società che ci circonda è caratterizzata da infiniti cambiamenti ed ognuno di noi sembra disperso, quasi privo di senso di appartenenza.

Pochi i punti di riferimento solidi e forte la diffusione di crisi di valori; tutto sembra ruotare intorno al nulla.

futuro-incerto_progetto-trentino

Le giornate cariche di impegni non annientano purtroppo la solitudine che spesso ci fa sentire fragili e un po’ smarriti in questa società in continuo movimento, caotica, frenetica dove i rapporti umani passano in secondo piano e dove le certezze scompaiono.

1_jUwRQuuuU9O0o8IvXKGgEQ
Le vecchie generazioni perplesse e le nuove generazioni forse un po’ impreparate aprono il sipario su di uno scenario piuttosto complesso e difficile, ed è proprio qui che dovremmo attingere alla fede, alla speranza ed all’amore, ricercando i valori un tempo condivisi e che dovrebbero essere il solido fondamento della nostra civiltà.

A tal proposito vi propongo, a partire da oggi, una triade di leggende giapponesi che possono essere spunto di riflessione per ognuno di noi.

Il valore dell’Amore
la prima via d’uscita al non senso che, come una piovra, cerca di avvolgerci

12442943_1069358829786965_2123679635_n

La leggenda giapponese di Sakura è molto antica e risale all’epoca dei signori dei feudi che si sfidavano in battaglie nelle quali morivano moltissime persone portando tristezza  e desolazione.

Vi era però un bosco che la guerra non aveva ancora toccato, pieno di alberi rigogliosi che esalavano delicati profumi e consolavano i tormentati abitanti dell’antico Giappone. Nonostante tutte le battaglie che si svolgevano ogni giorno, nessuno degli eserciti osava contaminare tale bellezza naturale.

In quel meraviglioso bosco si ergeva un albero che non fioriva mai. Pur essendo pieno di vita, sui suoi rami non apparivano mai i fiori. Per questo aveva l’aspetto di un albero morto, ritorto e secco. Pur essendo vivo, sembrava condannato a non godere del colore e degli aromi della fioritura.

L’albero si ergeva solitario. Gli animali non gli si avvicinavano per paura di essere contagiati dallo stesso male, neanche l’erba cresceva nei suoi dintorni. La solitudine, la sua unica compagna. un giorno la fata dei boschi si commosse vedendo che l’albero appariva vecchio, pur essendo giovane.

Una notte ella comparve accanto ad esso e con nobili parole gli sussurrò che avrebbe voluto vederlo rigoglioso e raggiante, e che era disposta ad aiutarlo. Allora gli fece la sua proposta: avrebbe lanciato un incantesimo che sarebbe durato vent’anni. Durante questo lasso di tempo, l’albero avrebbe provato quello che prova il cuore umano. Forse così si sarebbe emozionato e avrebbe trovato la fioritura.

La fata aggiunse che si sarebbe potuto trasformare in qualsiasi momento in essere umano e di nuovo in pianta, come più desiderava. Tuttavia, se terminati i vent’anni non fosse riuscito a recuperare la sua vitalità e bellezza, sarebbe morto immediatamente.

2-34-e1538146198350

Proprio come disse la fata, l’albero scoprì che poteva prendere le sembianze di un uomo e tornare a essere albero quando voleva. Provò a passare lunghi periodi tra gli umani, per vedere se le loro emozioni lo potevano aiutare nel suo proposito di fiorire. Inizialmente, però, ricevette una delusione: attorno a lui non vedeva altro che odio e guerra.

Questo lo spingeva a tornare nelle sue sembianze originali per lunghi periodi, e così passarono i mesi e poi gli anni. L’albero era quello di sempre e non trovava negli esseri umani la svolta che potesse liberarlo dalla sua condizione. Un giorno, tuttavia, dopo essersi trasformato in umano, camminò fino a un ruscello cristallino e lì vide una bellissima giovane. Era Sakura. Impressionato dalla sua bellezza, l’albero dalle sembianze umane si avvicinò a lei.

Sakura si rivelò gentile con lui. Per ricambiare la sua gentilezza, la aiutò a trasportare l’acqua fino a casa. Durante il tragitto conversarono animatamente, e con una vena di tristezza sullo stato di guerra in cui si trovava il loro paese, condividendo i loro sogni di speranza.

297993_562313783791701_1726025148_n

Quando la giovane gli chiese quale era il suo nome, all’albero venne in mente una sola parola: “Yohiro”, che significa speranza. Tra i due nacque una profonda amicizia. Si incontravano tutti i giorni per conversare, per cantare e leggere poemi e libri pieni di storie meravigliose. Più conosceva Sakura, più sentiva il bisogno di stare al suo fianco. Quando non era con lei, contava i minuti che mancavano per vederla.

Un giorno Yohiro non poté più trattenersi e confessò a Sakura tutto il suo amore. Le confessò anche la sua vera natura: era un albero tormentato che presto sarebbe morto perché non era riuscito a fiorire. Sakura rimase impressionata e restò in silenzio. Il tempo era passato e la scadenza dei vent’anni stava per avvicinarsi. Yohiro, che tornò ad assumere le sembianze di un albero, si sentiva sempre più triste.

Un pomeriggio, quando meno se lo aspettava, Sakura si presentò al suo fianco. Lo abbracciò e gli disse che anche lei lo amava. Non voleva che morisse, non voleva che gli accadesse nulla di male. Fu allora che apparve nuovamente la fata e chiese a Sakura di scegliere: rimanere umana o fondersi con Yohiro sotto forma di albero.

Lei si guardò intorno e ricordò i campi desolati e distrutti dalla guerra. Allora scelse di fondersi per sempre con Yohiro. Ed ecco che i due si fusero e divennero uno solo, e come per miracolo, l’alberò fiorì. La parola Sakura significa “Bocciolo di ciliegio”, ma l’albero non lo sapeva. Da allora, il loro amore profuma i campi del Giappone.

hanami-giappone-luoghi-sakura

Una questione di… pelle!

Capita spesso (è successo anche molto di recente), che l’insaziabile web ed i rotocalchi cartacei “gossipdipendenti, concentrino le loro attenzioni (e, quindi, quelle del pubblico), su personaggi, più o meno noti, che si concedono ai fotografi sfoggiando con orgoglio la propria… “livrea” multicolor: un corpo quasi completamente tatuato.

Premesso che ritengo sacrosanto che ognuno sia libero di fare della propria pelle ciò che meglio crede (certi pregiudizi da comari inacidite, ritengo debbano essere superati, oggigiorno…), ho cercato di conoscere qualcosa di più sul mondo dei tatuaggi, appunto. Read more…

Shiki: l’uomo che “reinventò” gli Haiku…

Per chiunque ami la Poesia Giapponese, generalmente, parlare di Haiku significa parlare del grande Haijin (compositore di Haiku), nipponico, conosciuto con il nome di Basho.

Superba la sua produzione letteraria, tutt’ora (ed a pieno titolo), fiore all’occhiello e vanto della cultura giapponese.

Ma ci fu, tra gli altri, un altro Haijin, che si distinse per le sue coraggiose posizioni d’avanguardia, che lo portarono, in parecchie circostanze, a “scontrarsi” con lo stesso Basho, nel nome di una “ricerca” e di una “sperimentazione” stilistica che, in realtà, sortirono effetti di prim’ordine. Read more…

Fumi no hi

In Giappone, a luglio, più precisamente il 23 Luglio, si festeggia il Fumi no hi, una ricorrenza particolarissima: il Giorno delle Lettere.

Questo festa è stata istituita nel 1979 dal vecchio Ministero delle Poste e Telecomunicazioni (ora Japan Post Holdings) ed in questo giorno vengono emessi ogni anno francobolli commemorativi molto curiosi ed originali che potete vedere a questo link.

La scelta del giorno e del mese è legata ad una storia particolare: Read more…