Un “vizio”… salutare

È risaputo che il “piacere”, se da un lato aiuta a procurarci benessere, dall’altro rischia di “rammollirci”, avviluppandoci in una sorta di assuefazione, in tutto simile a una dipendenza.

Penso, ad esempio, al “piacere” che ci dà il fumo; oppure (e qui, la cosa si fa più seria…), al brivido che si prova giocando d’azzardo.

E mi accorgo che, in certa misura, il “piacere” coincide, spesso, con il “vizio”…

Eppure ci sono “vizi” che danno un piacere incalcolabile, pur rimanendo, in tutto e per tutto, assolutamente innocui; anzi: portando soltanto immensi vantaggi. Come tutte le buone, vecchie, sane abitudini.

Mi riferisco al sottile, ma intenso piacere della lettura.

libro

Mi pare che sia stato già detto da qualcuno: leggere è ginnastica per la nostra mente.

Vero, verissimo; anzi: ovvio.

Ricordo che il mio maestro di II elementare ci ammoniva ogni giorno con lo stesso “invito”:

– Bambini, ricordatevi che bisogna leggere, leggere, leggere!-

31752

Ed aveva ragione, anche se, all’epoca, non lo avrei mai ammesso…

Sì, perché leggendo si arricchisce non soltanto la nostra cultura, il nostro lessico, la nostra capacità di analisi e di conversazione, ma anche lo “spessore” della nostra personalità.

Ed è, questo, un messaggio che rivolgiamo, soprattutto, ai nostri giovani.

lettura_carbone

Oggigiorno, del resto, la tecnologia ci viene incontro, in tal senso: si può leggere praticamente dappertutto ed in qualsiasi momento, grazie, ad esempio, alla diffusione degli E-book, fruibili con un qualsiasi smartphone, non necessariamente costoso come la rata del mutuo…

ebook

Ma spunti per eccellenti letture, possono essere individuati non solo tra le pagine “impalpabili” di un E-book, ma anche “scartabellando” tra le numerose rubriche ed i differenti post di tanti interessantissimi blog, che non di rado possono considerarsi preziosi “veicoli” di Cultura, a tutti gli effetti.

blog-min

Specie quando i blogger si sentono “investiti” di questa responsabilità.

by Roberto Pellegrini

Annunci

“Nudità” by Roberto Pellegrini

Nudità

L’anima nasce nuda,
e nuda rimane,
clandestina, tra le rovine del tempo,
tra le macerie dei rimpianti;
nuda, come nudo è il bisogno
di respirarti…;
come nudo è il desiderio
di raccogliere,
lungo la strada, frammenti,
schegge di felicità,
forse impazzita,
rubata ai sogni,
o solamente dimenticata
da un destino distratto,
che non si cura mai delle carezze
che mendica il cuore,
quando la sera è più sera;
quando la notte ha gli occhi
della tempesta.
L’anima nasce in attesa,
a volte confusa, come il viaggiatore
smarrito,
tra i mille incroci del vento,
su strade sconosciute, di nulla,
che riconducono a sé,
sconsolata,
ogni speranza sgualcita,
che l’asceta rifugge
e chi non ama invoca,
tremante, nel bagliore
di un bacio…

by Roberto Pellegrini

Nulla, nella nostra vita, accade per puro caso e tutto, quando succede, sembra avvenire in un determinato momento, come se, proprio in quell’istante, fossimo pronti ad affrontare quella determinata situazione.

La nostra anima sembra muoversi alla ricerca di qualcosa di predestinato, come se avesse un compito determinato da portare a termine.

images (1)

È un viaggio all’interno di noi stessi, carico di esperienze, di scelte da compiere, di errori da commettere e da scontare, fino a non trovarsi di fronte a quell’incontro che ci cambierà l’esistenza.

Quando ciò avviene è come se la nostra anima si spogliasse da ogni velo, si è pronti ad intraprendere un nuovo cammino insieme a quella nostra metà mancante, che sino a quel momento abbiamo cercato.

È un impatto emotivo travolgente dinnanzi al quale non si sente altro che la felicità di aver finalmente condotto la nostra anima al giusto traguardo.

fky44y

Ci si trova d’innanzi al vero Amore, all’energia vitale più forte che esista, di fronte alla quale niente e nessuno può nulla.

by Madame Trebien

Tratto dal libro: “Nell’Abbraccio della Luna – Quando l’Amore rende inutili i Sogni” by Roberto Pellegrini e Madame Trebien

Spiaggia by Roberto Pellegrini

Spiaggia

Conserverò
di ogni abbraccio immaginato
il desiderio;
e di ogni desiderio
conserverò l’attesa che lo avvolge,
confortando l’anima in un passo
di danza, improvvisata sulle spiagge
del Tempo… I tuoi sorrisi
saranno le impronte sulla sabbia
che condurranno a te
il mio cuore, che non avrà vergogna
di apparirti nudo, così
come nuda è la carezza
della notte.

by Roberto Pellegrini

mujerplayascinanatural

Andare oltre ciò che viviamo nel quotidiano, nell’attesa ormai breve che trasformerà il nostro desiderio in realtà è l’immagine metaforica che traspare da questa poesia.

Quando tutto sarà condiviso, come dimenticare la parentesi di Tempo che ha segnato una forzata lontananza? Come non conservare il desiderio degli abbracci? Come non incastonare per sempre nella mente e nell’anima tutto ciò?

donna-che-cammina-sulla-spiaggia

Alcune coppie si vedono obbligate a vivere separate dalle circostanze della vita e questo modo di vivere l’amore viene visto con sorpresa e reticenza dal molti, ma molte di queste persone non considerano che la capacità di alimentare da lontano un Amore è un dono. Attraverso la distanza si ha la possibilità di approfondire alcuni aspetti che nella “normalità” dei rapporti, spesso, appaiono sfuocati. Il percepire da un sospiro o dal tono di voce lo stato d’animo di chi amiamo, ma che ci è lontano, è una sensibilità che si sviluppa per necessità, ma che arricchisce il rapporto e le vibrazioni che partono da lontano vengono captate con immediatezza. Si impara a dare particolare importanza a dettagli, che il vivere fianco a fianco, solitamente sbiadisce.

by Madame Trebien

Poesia e commento tratti dal libro: Nell’Abbraccio della Luna: quando l’Amore rende inutili i Sogni

COPERTINA

 

…notte di Sogni!

Ho sempre pensato, fin da ragazzino, che i famosi “sogni nel cassetto”, con la loro vita “in castigo”, costretti ad un’esistenza in attesa di un’eventuale “realizzazione”, fossero, in qualche modo, parenti stretti delle “Stelle Cadenti”…

download

Ci siamo, amici miei: è la magica notte di San Lorenzo… E allora, quest’anno, inventiamocene una nuova: apriamo il cassetto dei sogni; prendiamone una manciata e lanciamoli nel cielo, prima della mezzanotte: chissà che, questa volta, non ci capiti di riconoscerne uno, seguito dalla sua benaugurale scia luminosa…!

tumblr_n0n8amzabh1s8plm7o1_500

...Morenti,
disegnano,
Stelle,
sorrisi
al contrario
(che mi vengono incontro…),
e sembrano
graffi
leggeri
sul vetro sottile
di un vasetto dipinto
di nero:
intuisco
che forse,
dietro a un velo
di tempera, la Notte
nasconde, per gioco.
la luce,
che dorme
e sorride,
del Cielo…

by Roberto Pellegrini

Poesia tratta dal libro “Le Parole sono Stelle”

tumblr_n09nkudqrc1s4k6kho1_500

Armonia by Roberto Pellegrini

Armonia

E’ il senso del mio vivere
quest’armonia confusa
d’incertezze e tormenti,
di silenzi ed incontri,
struggenti,
sul filo teso
(evanescente…),
dei tuoi orizzonti,
che si consumano, correndo
nelle distanze degli sguardi,
contemplando
le menzogne che il tempo
perde,
nel tentativo inutile
d’ingannarci…

by Roberto Pellegrini

Innamorarsi è anche vivere incertezze, tormenti, silenzi e riavvicinamenti.

Significa entrare in un’altra dimensione, mettere ordine e trovare armonia nell’immagine dell’altro e puntare il riflettore della mente sull’orizzonte del futuro, lasciando il passato sfuocato sullo sfondo.

getmediaphpeb9_thumb1

Custodire quest’immagine in ogni momento della quotidianità, lasciare che ci palpiti nel cuore e nella mente, sfiorarla e contemplarla, trasformarla in una carezza che arriva all’anima.

300752

L’amore ci colora la vita e come scriveva Albert Einstein nella lettera a sua figlia Lieserl: “… L’amore vince tutto, trascende tutto e può tutto, perché l’amore è la quintessenza della vita…”

L’amore è la più potente ed invisibile delle forze, è luce perché ci illumina, è gravità perché due persone si attraggono, è potenza perché esalta il meglio di ognuno di noi, l’amore non conosce limiti.

tumblr_oaj85uovhc1rz49fvo1_500

Per amore si vive e si muore, ma solo amando si trova il senso del proprio vivere.

tratto dal libro “Riflessi d’Amore – Anime allo Specchio” by Roberto Pellegrini e Madame Trebien

Cosa “diciamo” in un bacio…?

“Un bacio, insomma, che cos’è mai un bacio? Un apostrofo rosa fra le parole “ti amo!””…

Ecco: è, forse, questa bellissima frase di Edmond Rostand, resa immortale dal personaggio di Cyrano, la definizione più nota che la Letteratura ricordi, per “incorniciare” il bacio, appunto.

E, francamente, non possiamo non essere d’accordo…

Parliamo, com’è forse superfluo aggiungere, del bacio “amoroso”, “passionale”, non certamente di quello che ci si scambia in ufficio, per augurare una serena pensione al collega…

99px_ru_animacii_20906_paren_obnimaet_devushku_i_rjadom_s_nimi_pes-jpg

Mi perdo, nel tentativo di focalizzare in quante e quali occasioni, l’Arte abbia reso omaggio a quella che, senza ombra di dubbio, possiamo considerare la più intima, tra tutte le “effusioni”, con le quali due amanti “cementano” il loro rapporto, la loro unione… (penso, ad esempio, al celeberrimo “Il Bacio” di Gustav Klimt, di cui abbiamo già più volte parlato, in questa sede, ma gli esempi sarebbero innumerevoli…).

alizarin__gustav-klimt-il-bacio-der-kuss-2010_g

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il bacio è, spesso, la naturale “conseguenza” di un “invito” sapientemente (e “naturalmente”, vorrei dire…), espresso dagli occhi: uno sguardo intenso, tra due persone che si amano profondamente, “chiede” sempre “qualcosa” di più; esige un “quid”, indefinibile ed astratto, che soltanto un bacio riesce ad esprimere appieno.

L’amore, lo sappiamo, fa di due individui, di due corpi, un “corpo” solo: l’unione fisica, tra due persone che si amano, è data, quasi, addirittura per “scontata”; ma è soltanto grazie al bacio, che due “anime” riescono a “fondersi” in un’anima sola, facendo delle nostre labbra una bocca sola, di due respiri, un unico respiro, di due vite separate, la “nostra” vita insieme…

tumblr_oewfeh08jv1vosa0to1_500

In un bacio v’è tutta la Storia del Mondo…!
by Roberto Pellegrini

“Sulle ali di un gabbiano: a volo radente… – Aforismi sull’amore”

 

Riconoscersi by Roberto Pellegrini

Quello dell’amore (in ogni sua “forma” e “sfumatura”), è, probabilmente, il tema più caro al multiforme mondo dell’Arte, a dimostrazione di due concetti, di per sé anche fin troppo evidenti: che l’Amore rappresenta l’esperienza interiore più “forte”; che l’Arte è il “portavoce” più eloquente di tutto ciò che, spesso in estrema sintesi, ci piace definire “emozione”…

L’Arte parte da un’emozione, per suscitarne di nuove…; non esiste “piega” dell’Arte che non sia stata coinvolta nella trattazione dell’Amore: Musica, Narrativa, Pittura, Scultura e, ovviamente, Poesia.

Da sempre, la Poesia “canta” l’Amore, in ogni sua “veste”, profondamente consapevole della propria “missione”: rendere conto dell’“universo” di sensazioni che amare “smuove” all’interno del nostro animo e farne partecipe il lettore.

L’amore non bisogna implorarlo e nemmeno esigerlo.
L’amore deve avere la forza di attingere la certezza in sé stesso.
Allora non sarà trascinato, ma trascinerà.
Hermann Hesse

Ognuno di noi deve saper leggere la propria anima, ascoltarla e lasciare che ci guidi verso la felicità, perché la nostra anima non ci mente mai.

e57a6c450e4934d7d8a2f1d3cb0e6c63

Si usa un’unica parola: Amore, per descrivere questo immenso sentimento che in realtà ha diverse sfaccettature.

Viene spontaneo pensare che in una sola parola entrano veramente strette tutte le forme d’Amore, questo meraviglioso sentimento che ci accompagna nella vita.

07d9c9ba

Riconoscerci

Mi riconoscerai,
assaporando appena
sulle labbra
il mio silenzio:
non serviranno a nulla le parole,
quando saranno, le anime, vicine…
Tutto, di noi, sarà un racconto vivo,
che sveleremo al Tempo,
al Tempo solo,
vivendo i giorni che non hanno inizio,
né un tramonto, tra le follie sbiadite
delle indifferenze,
che resteranno sempre,
per noi,
nient’altro che il viaggio inutile
di chi non fa ritorno…

by Roberto Pellegrini

Il vero amore si incontra una sola volta ed è per sempre, per l’eternità. Amare è mettere il proprio futuro e la propria felicità nelle mani dell’altro, è fidarsi senza riserve, è diventare vulnerabili.

Ecco perché quando è vero Amore, quando le anime sono in perfetta sintonia, “a nulla servono le parole”, a parlare sono i silenzi.

Tutto viaggia su di un unico binario, che si chiama immensità dell’Amore. Che non ha misura! Che non ha partenza! Che non ha arrivo!

Dove il Tempo scorre nel rispetto, nella fiducia, nella piena comprensione.

Dove Riconoscersi, l’un l’altro, in silenzio, rende immortale l’Amore.

Tutto il resto intorno… solo bolle di sapone.

buborekok

Tratto dal libro “Nell’Abbraccio della Luna – Quando l’Amore rende inutili i Sogni” by Roberto Pellegrini e Madame Trebien