Adieu Aznavour! Comment t’oublier…

Si è spento ieri a Parigi Charles Aznavour, all’età di 94 anni.

La sua vita era il palcoscenico e nelle interviste dichiarava che piuttosto di andare in pensione, sarebbe morto … così è stato.

Nemmeno un anno fa si esibì a Bercy davanti a ventimila spettatori che sfidarono il freddo e la pioggia pur di ascoltarlo. Ormai vistosamente provato dalla malattia, ma sempre catalizzante, ad un certo punto dello spettacolo, interruppe il suo repertorio usuale dedicato all’amore ed intonò la sua Ave Maria, la folla si zitt?… Immobile ascoltò l’invocazione di Aznavour alla Vergine per coloro che piangono, che soffrono, Lei che offrì suo Figlio per la redenzione di tutti gli uomini.

Aznavour, con la sua particolare voce melodrammatica interpretava le sue canzoni (circa 1400), lo faceva incarnando la malinconia tipica francese, ma non fu solo un cantante, recitò in teatro e girò una sessantina di film.

charles-aznavour

Con lui scompare l’ultimo dei grandi chansonnier francesi, legati ad un’epoca ed allo stile elegante e sofferto. Nessuno potrà mai raccogliere la sua eredità.

Aznavour fu scoperto nientemeno che dall’icona Edith Piaf ed il suo primo successo arrivò negli anni ’50, da lì in poi fu solo un percorso in salita ed il suo successo dilagò in tutto il mondo – egli cantava ben in sei lingue diverse, ci teneva a sottolineare che conosceva anche il napoletano.

edith_piaf_charles__278417b

Riguardo alla donne diceva sorridendo:  “Le ho accettate per quello che sono nella speranza che loro accettassero me con i miei pregi e difetti”.

Addio Charles, sono certa che se davanti al Divino intonerai una delle tue canzoni, riuscirai a commuovere anche Lui.

 

 

 

 

Annunci

Giorgio Armani “cambia rotta”

Di ritorno dalle ferie si comincia a pensare all’estate prossima, sono già in corso, infatti, le Fashion Week della Moda che ci presentano le collezioni pensate dagli stilisti per la prossima stagione calda. Prima New York, poi Londra, seguirà Milano, per concludere a Parigi.

Proprio durante la settimana della moda di Milano (19-25 settembre) Giorgio Armani presenterà la collezione Emporio Armani Boarding presso una location del tutto insolita: l’hangar dell’aeroporto di Milano Linate.

65ab799e-b27b-11e8-aecf-805df6248f79_giorgio20armani20hangar20linate20_20ph-credit20jean-marie20pe_rier20-20photo12202-k14h-u11203307545790wd-1024x57640lastampa-it

Sì avete capito proprio bene, per la prima volta l’aeroporto, luogo controllatissimo e carico di riti legati alla sicurezza, apre le porte ad un evento fashion. Ad avere questa idea geniale non poteva che essere Giorgio Armani,  che ha dichiarato:

L’aeroporto è un luogo dal grande potere simbolico: senza barriere, rappresenta l’apertura verso l’esterno, verso il mondo. È il luogo di partenza per conoscere e scoprire, e al quale si torna dopo aver vissuto innumerevoli avventure. Mi piaceva l’idea di organizzare l’evento proprio nello stesso hangar sul quale dal 1996 campeggia la scritta Emporio Armani, sormontata dall’inconfondibile logo dell’aquila: un’immagine iconica che accompagna e accoglie le migliaia di viaggiatori in partenza o in arrivo in città. È uno spazio perfetto per Emporio Armani che possiede uno spirito intraprendente e libero e che riafferma così la propria essenza, con il suo linguaggio contemporaneo“.

17607424f7a8555029dd6dced6b73c81

Milano! La sua Milano! Capitale del fashion made in Italy, che sicuramente non ha nulla da invidiare alle altre città concorrenti, alle quali, spesso, al contrario, ha molto da insegnare.

Milano! La città di Armani che ha ispirato il suo stile moderno e dinamico ed alla quale, ovviamente Re Giorgio è legatissimo. Molti sono i luoghi a lui cari, professionalmente e non, ma in questa occasione ha scelto l’aeroporto, la porta verso il mondo, dove ogni giorno si incrociano stili e persone diverse e dove le barriere si infrangono.

163alitaliaerj175s1

2300 sono gli invitati, ma anche i non professionisti hanno una chance: partecipando allo speciale contest che si svolgerà in città. I primi cento estratti tra coloro che avranno raccolto i timbri su un apposito passaporto potranno prendere parte alla sfilata. E allora via alla caccia al tesoro!

Affissioni, pubblicità su tram ed autobus, ed una capsule collection accompagnano la città verso il 20 settembre, giorno del grande evento.

tabellone-per-le-affissioni-di-emporio-armani-milano-67057425

Il messaggio tra le righe di Giorgio Armani agli italiani è quello di vincere questo momento di difficoltà cambiando rotta.

volo_istock-155380716-594x400

C’è successo e successo?

E’ innegabile (e, forse, persino “naturale”…): “soppesare” le persone in base al successo che hanno ottenuto. Al centro dell’attenzione c’è il “risultato” e, quasi sempre, si perde totalmente di vista il “percorso”, che porta al successo.

excellence-arrow

Oggigiorno, ciò che certamente non manca è la “produzione” di “personaggi”: i cosiddetti VIP. Se ne producono in serie, come le utilitarie, tanto che, molto spesso, sembrano creati in laboratorio, assemblati a tavolino, come il mostro di Frankenstein …

successo

Le cronache rosa traboccano delle “epiche gesta” di star e ministar, che bombardano il web a colpi di tag, post, foto, video, con i quali immortalano “eventi” del tutto normali (come, ad esempio, un matrimonio civile), spacciandoli per fatti epocali. E, questo, per il solo fatto di vedere, come protagonisti, persone cosiddette di successo. Sul buon gusto non si discute: o c’è, o non c’è; ed ognuno di noi si senta libero di coltivarne un’idea del tutto personale…

Sacrificare il proprio “privato” (facendone, in realtà, un business), per darlo in pasto alle masse, è comprensibile (e forse inevitabile), a certi livelli; ma altre volte, di fronte allo sfoggio pacchiano di una agiatezza persino ostentata, quasi “buttata lì”, in nome di una (a volte non si capisce bene “come”), notorietà raggiunta, viene proprio da domandarsi: ma che hanno fatto e chi sono, ‘sti due, per avere avuto tanto “successo”?

Le risposte, spesso, restano deludenti e, francamente, non dissolvono l’interrogativo; pur ammettendo, accettandolo, il rischio, sempre in agguato, di essere tacciati d’invidia.

images

Il successo può senz’altro costituire motivo di vanto; ma non credo che sia sempre un merito, in sé.

C’è un successo ottenuto percorrendo comode (e costose…), scorciatoie; c’è quello che ti piove addosso per una botta di fortuna (quella con la “C” maiuscola, ovviamente); e c’è il successo ottenuto attraverso la caparbietà, lo studio, la costanza, l’umiltà. Ed è questo, io credo, il vero successo: quello che “insegna” qualcosa; che non rischia di durare il tempo di qualche stagione; che non teme confronti, né il “frangersi dell’onda sugli scogli”; che arride, solitamente, a persone veramente “speciali”, originali… Persone determinate, convinte, capaci; persone che hanno saputo aspettare il proprio momento, lavorando sodo, senza scoraggiarsi mai, sempre certe che, prima o poi, la “classe” avrebbe fatto la differenza, con lo sfavillio inutile ed ingannevole di una gloria di cartapesta e tulle…

images (1)

Sono persone che restano se stesse, umili, in ogni circostanza, ben distinguendo la differenza tra un esibire la propria vita (come si farebbe al circo), e raccontarla, con eleganza e discrezione, al proprio pubblico, senza mai dimenticare che, quando si “diventa qualcuno”, nostro malgrado si finisce per diventare, specie per i più giovani, degli “esempi”, ai quali ispirarsi…

Anche perché, non è vero che sia il successo a rendere “stupidi”: con certe “qualità”ci si nasce.

“Non giudicatemi per i miei successi
ma per tutte quelle volte che sono caduto
e sono riuscito a rialzarmi.”

Nelson Mandela

by Roberto Pellegrini

Bernard Moitessier: un “filosofo” al timone…

Siamo in piena (e rovente…!), estate, la stagione in cui (si spera), è più facile trovarsi a dover gestire (fossero sempre questi i problemi…!), un po’ più di tempo libero.

Molti di noi trascorreranno le ferie al mare…

source

Già, il mare; questa distesa azzurra vivente, palpitante, umorale; contenuta (ma non “limitata”…), da “mille” orizzonti, per tutti gli stessi, eppure sempre “nuovi”…

E quando con lo sguardo ci imbattiamo in una vela, spesso il pensiero e la fantasia corrono a fantasticare sulle gesta di “magnetici” ed impenetrabili Lupi di Mare; uomini che hanno “scritto” il libro della propria esistenza sulle pagine azzurre degli Oceani di tutto il mondo, rinunciando alle comodità della routine di una vita sulla terra ferma, per vivere alla stregua di eremiti vagabondi, nell’abbraccio dell’ “immenso blu”…

mare2bnature3641901822b692

Ecco, questo post vuole essere un modesto omaggio ad uno dei più grandi Navigatori di tutti i tempi: Bernad Moitessier.

bernard-moitessier-tamata

Nato ad Hanoi nel 1925, Bernard Moitessier passò la sua infanzia in Indocina. Frequentò un istituto professionale, dove apprese molte cose che gli furono utili in seguito nelle sue navigazioni.

Marinaio precoce, debuttò su piccoli natanti a vela da lui costruiti, evidenziando spiccate attitudini marinaresche e procurando non poche preoccupazioni ai genitori. Nel 1947 iniziò la sua vita da nomade degli oceani, abbandonando la famiglia ed il monotono lavoro nell’azienda paterna, per abbracciare definitivamente l’avventura.

Numerosi sono stati, in realtà, i suoi viaggi e le sue imprese, ma quella che lo consegnò alla storia fu la sua partecipazione alla prima regata intorno al mondo in solitaria.

Era il 1968 (e si tenga conto che le tecnologie di allora non erano certo quelle di oggi…), quando venne indetta dal The Sunday Times la prima regata intorno al mondo in solitario, la Golden Globe Race, con partenza da un qualsiasi porto inglese e ritorno, dopo aver passato i tre Capi (Capo di Buona Speranza, il Capo Lewin e il Capo Horn).

montessier1

Moitessier, titubante per il rischio di “declassare” un’impresa eroica a semplice competizione sportiva, vista la posta in palio accettò e decise di partire da Plymouth il 22 agosto 1968. Dopo aver doppiato i tre capi e superato l’amico e “rivale” Knox che era partito con circa un mese di anticipo ed era sempre stato primo, con grande stupore del mondo intero, annunciò di non voler ritornare in Europa, abbandonando così la gara e rinunciando alle 5000 sterline del premio a vittoria praticamente “in tasca” (il Golden Globe sarà vinto da Robin Knox-Johnston). Fu un gesto clamoroso, che chiarì a tutto il mondo velico (e non solo), quale e quanto profondo fosse il rapporto di Moitessier con il mare e con la navigazione…

Bernard proseguì quindi la rotta meridionale superando per la seconda volta il Capo di Buona Speranza e percorse un altro mezzo giro del mondo, senza scalo, fino a raggiungere il 21 giugno del 1969 dopo aver percorso 37455 miglia (69367 km), Tahiti, nella Polinesia francese perché, come scrisse: – … sono felice in mare, e forse anche per salvare la mia anima! -.

500px-moitessier_voyage_joshua_1968-1969_map-fr-svg

La storia della celebre impresa (documentata anche dal rarissimo video, girato da Bernard stesso, nel corso della navigazione), è narrata nel suo libro più famoso, “La lunga rotta” (che vi consiglio sinceramente), uno dei libri di mare più apprezzati e più letti al mondo, che ha fatto di Moitessier un modello per intere generazioni di velisti.

Memorabile il suo rapporto con la barca, il mitico “Joshua” (un ketch armato con due pali telegrafici), con la quale aveva fatto un patto: – dammi vento e ti darò miglia!

joshua-02

Bernard Moitessier si spense il 16 giugno 1994, a Parigi, dopo aver inutilmente lottato contro il cancro.

Ricordiamo altre sue opere, parimenti avvincenti:

  1. Un vagabondo dei mari del sud

  2. Capo Horn alla Vela

  3. Tamata e l’Alleanza

  4. Vela, Mari lontani, isole e lagune – opera postuma

  5. 60000 milles à la voile Di Françoise Moitessier, Ancre de Marine

by Roberto Pellegrini

Haute Couture Paris: Arte, Artigianalità ed Eleganza

L’edizione Haute Couture Paris per la stagione Autunno-Inverno 2018/19, conclusasi ieri, è stata speciale, in quanto ha segnato il 150esimo anniversario della Fédération de la Haute Couture et de la Mode, l’organo di governo del fashion francese fondato nel 1868.

Poche sono le case che possono vantare l’appellativo di “maisons haute couture” – fra queste quindici sono francesi permanenti tra cui Christian Dior, Chanel, Giambattista Valli, Maison Martin Margiela, Givenchy e sei le straniere tra cui Valentino, Fendi e Giorgio Armani.

Ma la Camera della Moda francese ha ammesso a sfilare ben trentasei nomi incorporando brand ospiti. La categoria “membres invités”, che esiste  dal 1998, serve per permettere a nuovi marchi del lusso, francesi e stranieri, di poter far sfilare le loro creazioni assieme alle grandi maison e di utilizzare la dicitura “couture”.

Collezioni che raccontano universi fatti di tessuti pregiati, ricami preziosissimi, altissima artigianalità. Abiti da sogno che mostrano l’eccellenza degli atelier più prestigiosi del mondo.

 

 

 

Alberta Ferretti Limited Edition

Sempre cariche di femminilità le collezioni di Alberta Ferretti, che anche questa volta propone un’eleganza sensuale. Molto affascinate e di conseguenza piace molto questo guardaroba sexy e alquanto ricercato.

Chanel

Pare quasi un ammonimento quello di Karl Lagerfeld: la storia si ripete e bisogna stare attenti.

Lo stilista porta in passerella una collezione che si rifà agli anni Quaranta, composta per lo più da tailleur con le gonne longuette, diritte a fuso, con l’aggiunta di lunghi spacchi bordati di passamaneria su tessuto bouclé; ricompaiono modelli composti da sette/ottavi  con le maniche aperte e foderate di raso lucido.

Del resto la moda è fatta di continui ricorsi e come ben affermava la stessa fondatrice del brand Coco Chanel:

 “L’eleganza non consiste nell’indossare un vestito nuovo.”
Dior

Oggi che anche il prêt-à-porter ha raggiunto una sofisticata espressione industriale e produce abiti belli e preziosi, la Haute Couture non può rimanere un’espressione dedicata alle élites ma deve essere spiegata per il suo valore di idee applicate alla manualità alle nuove generazioni che sono state portate a pensare, invece, che la moda sia tutta uguale”. Così Maria Grazia Chiuri parla della sua sfilata poco prima che vada in passerella e prosegue: “Siamo troppo chiusi nel nostro presente, il che ci fa perdere un sano legame con il passato e la prospettiva del futuro che non è composto da una serie di attimi. In questo senso un abito di alta moda può essere la proiezione di un sogno che si realizza. Ma non quello che esprime la capacità economica, ma un sogno che si riappropria della valore della realtà, della ricerca, della immaginazione di un futuro”

Giacche Bar con le maniche ad ali di pipistrello, abiti bustier che si allungano in una gonna a pieghe, abiti costruiti con una successione di ruches verticali, mantelle che partono strette sulle spalle e si aprono con larghe pieghe, abiti con i fiori applicati in 3 D, abiti in velluto sabré – tecnica che solo due donne in Francia sanno fare -, abiti costruiti con una sovrapposizione di chiffon, tulle, pizzo e pizzo ricamato tutti in color nudo, tutto questo nella collezione Haute Couture di Dior.

Giorgio Armani Privé

Giorgio Armani osserva l’Arte, l’accoglie, la comprende, la esalta, la crea e la trasforma in abiti, in modo sapiente, geniale, come solo gli italiani sanno fare.

La creatività di Giorgio Armani, attraverso questa sontuosa collezione, invia dall’Italia un messaggio di cultura, di bellezza, di sensibilità.

Dichiara: “Io devo inventare, sono tenuto a farlo. Questo è il mio mestiere. Non faccio questo lavoro per pettinare le bambole. Con questa collezione vorrei indicare alle donne millennials e a quelle che si mascherano da millennials come si veste una donna per essere più bella, più charmante. Anch’io in passato, e proprio per il mio Privé, ho disegnato delle cose bizzarre, ma ho notato che quando una donna non vuole apparire banale e omologata sceglie gli abiti che donano di più al suo aspetto e alla sua personalità. Ora, dopo la confusione creata dai tanti esercizi di stile che hanno trasformato il prêt-à-porter in un continuo streetwear, sento che c’è bisogno di fare chiarezza. Ecco perché ho fatto una collezione che è un po’ una storia della Moda. Che è una Storia importante accanto a tutte le altre Storie”

Tailleur con i pantaloni un po’ larghi in seta o georgette, bustier con gocce di cristallo, gonne lunghe a ampie ricamate con un nodo d’amore in perline, giacche nere con strati di frange turchesi in perline che nascondo il colore sottostante, cappotti portati sopra ai pantaloni, giacche con collier di jais neri incorporati, abiti eleganti come quelli delle donne dei quadri di Boldini, abiti metallici dorati, abiti interamente spalmati con perline di cristallo e poi alcuni dichiarati omaggi ai grandi della Haute Couture francese che lascio a voi scoprire…

A quasi 84 anni Re Giorgio ha ancora voglia di stupire… Chapeau!!!

 

Giambattista Valli

Abiti da cocktail in chiffon di seta drappeggiato e increspato, vestiti di macramé “jardin de fleurs” ricamati e cappotti da cocktail realizzati con estrema bravura fatti con specchi di cristallo, abiti da ballo con tante increspature e volant tagliati corti davanti e a pagoda dietro e… una standing ovation per lo stilista al termine della sfilata.

Fendi Couture

Karl Lagerfeld e Silvia Venturini Fendi hanno presentato una collezione che si chiama:

 “Indovina che cosa stai vedendo?”

E’ così che in passerella sfilano una giacca costruita con 900 strisce di uno strano tessuto che poi si scopre essere visone rasato, intarsiato e colorato, poi una gonna con 1000 quadrati tagliati e ricuciti, un cappotto che sembra di pelliccia, ma che, oibò, è realizzato tagliando chiffon, e poi un tailleur che sembra di pelliccia maculata e invece no, sono paillettes che mimano il contropelo della pelliccia oppure un abito con gonna in tulle sulla quale sono cuciti 3000 fiori di visone, e per finire due cappotti completamente uguali: uno in velluto e l’altro in ermellino, ma l’effetto è assolutamente identico.

Insomma un inganno per i nostri poveri occhi!

 

Schiaparelli

Elsa Schiaparelli, fondatrice della maison, possedeva fantasia e determinazione da vendere e nella vita quotidiana materializzava la sua affermazione: “La fantasia è un fiore che muore nella passività. Per crescere, ha bisogno di determinazione”.

Ai giorni nostri, la maison è diretta da Bertrand Guyon al quale sicuramente la fantasia non manca e per la collezione Haute Couture le dà libero sfogo creando abiti sui quali si materializza la metamorfosi che molti animali possiedono in natura.

Ecco che troviamo pantaloni e gonne che si sovrappongono, pizzi che “sposano” tulli, in perfetto stile surrealista, caratteristica insita nel marchio stesso.

Givenchy

Battezzata Caraman questa collezione Haute Couture è dedicata dall’odierna direttrice artistica Clare Waight Keller, al couturier Givency, fondatore della maison.

La Keller dichiara che la collezione è una celebrazione “delle ispirazioni creative, del lavoro e dell’innato senso di eleganza” di Hubert de Givenchy, recentemente scomparso. 

Il grande couturier Givency fu uno dei primi che riuscì legare al sua fama al sistema cinematografico, annoverando tra le sue clienti Audrey Hepburn, Greta Garbo, Marlene Dietrich, Jeanne Moreau, Ingrid Bergman, Lauren Bacall, Jean Seaberg, non solo, ma anche figure come Grace di Monaco, Jacqueline Onassis e Wallis Simpson.

In questa collezione si ritrovano tutti i classici di Givency: l’abito in tessuto argentato con la cappa a mezza tunica bianca sovrapposta, le cappe interamente intessute con le piume, le camicie smoking, le asimmetrie degli abiti lunghi drappeggiati sovrapposti da mezzi abiti lisci e dai mezzi abiti in velluto, stole di piume, abiti intessuti di strass, paillettes e pietre dure.

Speriamo però che Clare Waight Keller ci mostri quanto prima qualche sua idea e non solo il rifacimenti di quanto creò Hubert de Givenchy.

Valentino

Premettendo che sono indiscusse le capacità e la genialità di Pierpaolo Piccioli, così come innegabili sono la qualità dei tessuti e l’altissima artigianalità di realizzazione dei capi, mi sovviene però una riflessione: in questa collezione Haute Couture non vi è un filo conduttore.

Piccioli stesso dichiara: “Ho iniziato a lavorare alla collezione senza pensare a un tema o a un’ispirazione. Non ho costruito un mood board e ho cominciato semplicemente a lavorare. Quando ho capito che stavo mettendo insieme epoche diverse, silhouettes diverse, riferimenti alla mitologia greca, a Pasolini e a Medea, al Rinascimento, al Settecento ho avuto il sospetto che l’insieme non avesse senso. Poi, improvvisamente l’ho trovato. Ho capito di aver messo insieme il senso del mio tempo interiore”.

Nessun filo conduttore, tanto che ogni sarta o sarto ha inventato un nome per l’abito che ha realizzato, si passa, così, da Sogno ad alta voce – una cappa che da una parte ha l’illustrazione di Leda e il cigno e dall’altra quella di Narciso e copre una “tuta Palazzo” in colore ottanio –  a Domenica, a Liza Minnelli – cappa di chiffon completamente paillettata in verde profondo, a Orchidea – giacca di lamé dorato che copre una blusa trasparente rosa con volants alla maniche e i bermuda in verde argilla, ad Amore fuggente,  ecc.

Io, nonostante le standing ovation dei presenti, se mi trovassi al posto di Monsieur Piccioli, la prossima volta sceglierei un tema.

 

 

Audrey Hepburn, icona di classe e di stile, ma…

… è stata soprattutto una donna buona, gentile, gioiosa, che amava le cose semplici che, come lei stessa sosteneva, danno senso all’esistenza.

Molti di noi la ricordano come un’indimenticabile icona della storia del cinema in “Sabrina”, “Colazione da Tiffany”, “My Fair Lady”, “Due per la strada”, ecc.; forse non tutti sanno che la sua infanzia fu segnata dalla sofferenza.

uid_132d81af4e9

Durante gli anni della guerra patì la fame, fu costretta ad assistere all’omicidio di alcuni membri della sua famiglia, ebbe seri problemi respiratori ed un’anemia acuta per denutrizione, tutto ciò segnò il suo fisico per il resto della sua vita.

Come è noto, i traumi sofferti durante l’infanzia si ripercuoto nell’età adulta e restano dentro come una sfida da vincere, così fu anche per questa donna che era solita affermare che “Chi non crede nei miracoli non è realista” in seguito all’esperienza avuta quando le Nazioni Unite giunsero nei Paesi Bassi portando cibo e generi di primaria necessità.

Una sua frase che mi piace ricordare cita: “Per avere degli occhi belli, cerca la bontà negli altri; per delle labbra belle, pronuncia solo parole gentili; per una figura snella, dividi il tuo cibo con le persone affamate; per dei capelli belli lascia che un bambino vi passi le sue dita una volta al giorno; e per l’atteggiamento, cammina con la consapevolezza che non sei mai sola.”

In fondo è proprio così, le persone semplici sono le più sensate, conoscono l’amore ed il rispetto per il prossimo.

Audrey Hepburn sentiva forte dentro di sé il bisogno di dare e ricevere affetto, tanto che dedicò molti anni della sua vita ad attività umanitarie.

audrey1

Dietro quei vivaci e splendidi occhi da cerbiatta si nascondevano tante tristezze che, forse, si attenuarono solo quando nel 1988 “sposò” la causa dell’UNICEF.

audrey-hepburn-uni40095

 

 

 

 

 

 

 

Il mondo della moda è in lutto: è morto Azzedine Alaia

Di lui vi avevo parlato recentemente.

Improvvisamente e per cause ancora non dichiarate, ieri si è spento a Parigi, Azzedine Alaia, all’età di 77 anni.

Proprio lo scorso luglio, durante la settimana dell’haute couture di Parigi, era tornato in passerella, dopo sei anni di assenza.

Lui creava opere d’arte, non abiti, trasformando la moda in qualcosa di radioso, superbo e senza tempo.

Oggi il mondo della moda è stato investito dalla finanza e dai grandi gruppi, tutto questo ad Azzedine Alaia non piaceva ed aveva dichiarato:

“Quando Jean-Paul Gaultier ha chiuso il suo prêt-à-porter, ho pensato: ha fatto bene. Come si possono sostenere i ritmi produttivi di oggi? È impossibile essere creativi facendo dieci, dodici collezioni l’anno. Mi fa anche impressione la trasformazione del designer: da stilista è diventato direttore creativo, praticamente una redattrice di moda evoluta che lavora per immagini, non per contenuti, e non c’è più alcuno studio sugli abiti. Forse, se si vuole di nuovo parlare di creatività e innovazione, bisogna tornare indietro. Ma non penso voglia farlo nessuno”.

Caro ed indimenticabile Azzedine, sicuramente nessuno lo vuole fare, per questo tu sei stato l’ultimo atto. Non hai eredi nelle moda del giorno d’oggi, Con te se ne va l’ultima grande leggenda di questo mondo!

Addio piccolo … grande uomo!

fiocco-nero-lutto