…come l’onda

Il vero “mistero” non è l’amore in sé, antico “sintomo”, della consapevole fragilità dell’esistenza, bensì il “bisogno” stesso di amare; da dove esso tragga le proprie origini; come nasca quell’“elan vital” che ci spinge ad abbandonarci tra le sue braccia…

Un’esistenza da… vivere

L’Essere Umano non si limita a “esistere”: egli “vive”. Tutto “esiste”: gli alberi, le montagne, gli oceani, gli animali… Ma “vivere” (al di là di un elementare riscontro squisitamente “biologico”), significa anche maturare un variegato “percorso” di coscienza di sé, in grado di condurre alla piena consapevolezza della differenza tra l’ “essere Uomo” e il resto dell’ “esistente”, appunto...

Un peso e… due misure?

Un amico mi confessa, perplesso, di sospettare che la moglie abbia un “inciucio” con qualcuno: troppe volte, mi spiega, l’avrebbe sorpresa col cellulare in mano, come se volesse nascondergli qualcosa...

Carezze…

Le carezze che “confortano” il corpo sono sempre gradevoli e certamente riescono spesso a fornirci un' “idea” verosimile di ciò che amiamo definire “felicità”; ma le “carezze” che riescono a raggiungere l’anima, restano un privilegio, una rara “prova” di ciò che realmente siamo: complesse creature che vivono di emozioni...

Io… anzi: noi

Se ciascuno di noi “bastasse” veramente a se stesso; se davvero potessimo sentirci “compiuti”, semplicemente prendendoci cura “soltanto” di noi stessi, non avrebbero più senso (o non avrebbero lo stesso significato…), concetti/esperienze quali l’altruismo, la disponibilità, la solidarietà, la stessa solitudine…

La “mossa” del destino

Lo sappiamo: il destino, quando decide di "muoversi", non ci chiede il permesso; non lo fa mettendo i guanti di velluto. Lo fa e basta, senza troppe moine: irrompe all'improvviso nella tranquillità della nostra vita, travolgendo tutto, come uno tsunami… Persone care, abitudini, routine, piccole noie di tutti i giorni: ogni cosa può venire spazzata via così, di colpo, senza il minimo riguardo, senza preavviso, senza pietà…