Maison Lemarié, la Versailles della Moda

Tutto ebbe inizio nel 1880, quando Palmyre Coyette - modista ed abile ricamatrice, ma soprattutto virtuosa donna d'affari - adornava di piume e ricami i cappelli delle nobili signore. L'ineccepibile suo lavoro fece sì che il suo atelier divenisse famosissimo in tutta la Francia e non solo per la lavorazione di piume e ricami. A lei seguì il nipote: André Lamerié che ereditò tutto il patrimonio ed anche la passione per il bello...

Adieu!

Con la sfilata Chanel tenutasi al Grand Palais il 5 marzo scorso si è detto addio per sempre a Karl Lagerfeld, fra una tangibile commozione del pubblico e le lacrime non trattenute delle modelle in passerella. Un minuto di silenzio ha accompagnato l'inizio dello show, poi la voce di Lagerfeld che ha raccontato come, 35 anni fa, aveva accettato di lavorare per un marchio morente: "Mi piaceva il personaggio di Coco. Sembrava impossibile far diventare questa griffe nuovamente di moda. Invece è stata una magnifica avventura...

Il bosco incantato di Chanel

Volutamente non ho inserito la sfilata di Chanel, disegnata e messa in scena da Kalr Lagerfeld, nel gruppo. Vale secondo me la pena darle un occhio a parte.

Anche questa volta Chanel ha presentato la sua collezione nel Grand Palais di Parigi, trasformato per l'occasione in un bosco incantato. Per la seconda volta consecutiva Karl Lagerfeld, direttore creativo, mette al centro della scena...

Bon-Ton Chanel Haute Couture P/E 2017

Gli immancabili tailleur in tweed, questa volta declinati in nuance pastello, aprono la collezione Chanel Haute Couture, a seguire abiti iridescenti bordati da alti orli in marabù e per finire un abito da ballo in tulle rosa.

La location, il Grand Palais è stata trasformata in una galleria di specchi e la collezione è un omaggio alla femminilità bon ton anni '20: volant, balze, pailletes, piume, tante, tante cinture argentate che fasciano e cappelli coordinati.

Una collezione molto elegante che attrae soprattutto per i dettagli decorativi; Karl Lagerfeld ha messo in campo mix di seta e cristalli che caratterizzano corpetti, abiti e gonne.

Gli abiti da sera proposti in versione bicolor sono dei veri gioielli, così come molto interessanti sono gli eleganti abiti corti con le maniche in piuma.

Principesco l'abito rosa che ha chiuso la sfilata

Fashion Style nel taschino

Iniziato il count down per le sfilate fashion women Autunno/Inverno.

Come sempre ad aprire le danze sarà New York dal 9 al 17 Febbraio p.v., a seguire Londra dal 17 al 21 Febbraio p.v., poi Milano dal 22 al 28 Febbraio p.v. e per finire Parigi dal 28 Febbraio all'8 Marzo p.v.

I calendari di ognuna delle quattro Fashion Week in programma sarà ricchissimo, tutti i grossi nomi della moda internazionale scenderanno in passerella e vedremo le tendenze per la prossima stagione invernale.

Un mese di fuoco, che vedrà tutti gli addetti ai lavori piroettare da una città all'altra.

Ebbene! Care influencer e fashion blogger, diciamocelo, tenere tutto sotto controllo non è certo facile, ma quest'anno c'è una novità che vi verrà in aiuto: alla fine di ogni Fashion Week verrà pubblicato un ebook che raccoglierà tutti i più grandi nomi in passerella, con le relative print table degli outfit presentati.

Questo permetterà di avere sempre a portata di mano, sui vostri dispositivi elettronici, tutto il materiale indispensabile per il vostro lavoro.

Pubblicazioni di questo tipo non sono certo nuove, ma la differenza, direi molto sostanziale, è che, sino ad ora, le pubblicazioni erano solo in formato cartaceo e solitamente mirate ad uno stilista in particolare.

Da quest'anno, invece, tutto sarà fruibile in formato elettronico, veloce da consultare e sempre con voi.

Quattro ebook indispensabili e ai quali non si può rinunciare.

Per ogni stilista presente nella raccolta ci saranno note storiche, una presentazione della sfilata e una serie di print table a corredo che ci aiuteranno ad avere sempre a disposizione un'idea completa di tutta la collezione.

Qui di seguito un mini assaggio tratto dai pre-draft.

Chanel – P/E 2017 – Parigi

Due robot elegantissimi in tailleur dalla doppia C e alti stivaloni accolgono gli ospiti allo show.
Karl Lagerfeld proietta Chanel nel futuro trasformando la location in un laboratorio elettrico dove tantissimi fili colorati si intersecano e presentando una sfilata dove le classiche giacche tweet diventano over e al posto dei bottoni troviamo il velcro, nelle gonne compaiono le pieghe, gli abiti si allungano e tutto si abbina a capi in pizzo.
Tanto colore per una collezione ricca di nuove ispirazioni.
Alcuni hanno affermato che Lagerfeld sembra un po' stanco, non concordo affatto, lo trovo sempre più innovativo e geniale.

Il classico tailleur viene riproposto con inserti di materiali nuovi e il bouclè è giocato tutto sui colori primari, come quelli dei fili elettrici che alimentano i computer, cioè il futuro.

Tutto sembra dire: anche nella fantascienza si può fare a meno di molto, non certo di un tailleur Chanel.

Trovo la sfilata incisiva, fresca e molto moderna, decisamente aggiornata.

La borsa – questo accessorio indispensabile

Per ogni donna la borsa è un accessorio quasi indispensabile, al suo interno tutte noi abbiamo il nostro micromondo privato, trasportiamo tutto ciò che riteniamo indispensabile che ci accompagni. Ma la borsa non è solo questo: oltre ad avere un un importanza per colei che la indossa e che la porta con sè, è anche un accessorio che ama farsi notare e che diventa indispensabile per completare un look.

Spesso mi rendo conto che alcune di noi prestano veramente poca attenzione a quanto la borsa è importante in un outfit. Saperla scegliere, in modo che soddisfi le esigenze personale e nel contempo si integri nel look non è certo un gioco da ragazzi.

Una borsa può essere di varie forme e dimensioni ed ogni donna dovrebbe sceglierla in base alle proprie esigenze, ma non dimenticate mai che è espressione di buon gusto, di classe e di stile. Quando acquistate una borsa ricordate sempre che borse e moda sono strettamente legate e che questo connubio viene da lontano.

Gli stilisti conoscono benissimo tutto questo e ad ogni stagione propongono, ognuno con le caratteristiche che contraddistinguono i loro brand, collezioni che possano incontrare e soddisfare ogni donna.

Oggi conosceremo un po' più da vicino le collezioni che hanno presentato, per l'inverno 2016/17, due storiche maison, molto diverse tra di loro, ma indiscutibilmente affascinanti entrambe.

Chanel rimane sulle forme classiche, certa di riscuotere consensi, con qualche innesto eccentrico come le forme a gomitolo; la novità sta un po' nel materiale già in verità comparso nella precedente collezione invernale, ma che quest'anno la fa da padrone: il tweed in cromie intense ed intriganti, con eleganti dettagli in pelle.

Celine invece punta tutto sullo stile minimalista ed affianca i toni scuri, classici della stagione invernale, alcune creazioni in toni pastello. Modelli dalle linee essenziali, che si caratterizzano per l'utilizzo dei contrasti: di colore, ma anche di materiale; compaiono quindi dei modelli intriganti dove la pelle si sposa con tessuti.

Diciamo che non ci resta che scegliere e... magari, se ci troviamo a passare per Amsterdam, non rinunciamo a far visita al Museo delle Borse Hendrikye. Al suo interno troveremo, suddivise per epoche storiche (dal Medioevo sino ad oggi) più di 4000 borse di tutte le fogge e materiali. Oltre ai grossi nomi (Schiaparelli, Pierre Cardin, Yves Saint-Lautent, Gucci, Hermes...) ed ai pezzi storici, troveremo anche un'area dedicata alle esposizioni temporanee di giovani stilisti di ogni nazionalità.