Io… anzi: noi

Se ciascuno di noi “bastasse” veramente a se stesso; se davvero potessimo sentirci “compiuti”, semplicemente prendendoci cura “soltanto” di noi stessi, non avrebbero più senso (o non avrebbero lo stesso significato…), concetti/esperienze quali l’altruismo, la disponibilità, la solidarietà, la stessa solitudine…

Crediamoci… insieme

“Se vuoi una vita felice devi dedicarla a un obiettivo, non alle persone o alle cose” A. Einstein Per poterla “cercare”, e tentare di agguantarla, dovremmo almeno averne un’ “idea” il più possibile precisa…

Seconda stella a destra

La "Fiera del Libro" è un appuntamento annuale della mia città, che si rinnova sempre in questo periodo, al quale non mi sottraggo. Mi piace aggirarmi curiosando tra le bancarelle cariche di libri (nuovi, ma anche usati), alla ricerca del buon affare. Ho notato che quest'anno a farla da padrone ci sono i libri sulla "felicità". Come raggiungerla; come mantenerla; come riconoscerla, ecc: ne propongono di tutti i tipi, dai classici, come Seneca, ai testi Zen e di filosofia orientale, ai manualetti fai da te, di dubbio riscontro...

Una domanda… quattro stagioni!

Eccone un altro: penserà qualcuno… E come dargli torto? In effetti, perché negarlo?: si tratta di una domanda a dir poco usurata; proposta e riproposta, fino a consumarsi sul filo delle labbra, in tutte le epoche, in tutte le lingue del mondo, a tutte le latitudini. Insomma: una domanda “evergreen”!...

Una felicità piccola così…

I due amici sono in coda alla cassa del discount (interminabile, apocalittica: e non si capisce perché non si faccia intervenire un altro dipendente: “Ding-dong…, in apertura la cassa... ecc ecc!”); io, appena dietro, non posso evitare di “impicciarmi” (in realtà, me la propinano a forza…), della loro conversazione...

“Chiedi” by Roberto Pellegrini

Chiedi

Chiedi al mare
quante siano le sue onde;
ti risponderà: “Non lo so,
domandalo al vento,
che le porta lontano…!”.
Chiedi la cielo
quante siano le sue nuvole;
ti risponderà: “Non lo so,
domandalo al Sole,
che le dissolve, gagliardo…!”.
Chiedi all’albero
quante siano le sue foglie;
ti risponderà: “Non lo so,
domandalo all’Autunno,
che le rapisce, in silenzio…!”.
Chiedi al mio cuore
quanta gioia nasconda;
ti risponderà: “Non lo so,
domandalo a chi amo,
che mi tiene tra le mani…!”...

…Felicità? Lasciati “contagiare”!

Nasce prima l’uovo, o la gallina? Domanda stupida? Niente affatto. L’uovo? Va bene, ma chi lo avrebbe messo al mondo, quell’uovo? Allora è nata prima la gallina? Oh bella! E da quale uovo sarebbe saltata fuori? Tra il serio e il faceto scienza e filosofia si sono “accapigliate” sul tema, senza giungere a una definitiva risoluzione della questione.
E nasce prima la felicità, o l’invidia? Abbozzare una risposta, appare più semplice: come potrebbe orientarsi, l’invidia, senza la felicità (altrui), con cui fare i conti?...