Un peso e… due misure?

Un amico mi confessa, perplesso, di sospettare che la moglie abbia un “inciucio” con qualcuno: troppe volte, mi spiega, l’avrebbe sorpresa col cellulare in mano, come se volesse nascondergli qualcosa...

Io mi fido, tu ti fidi?

Ricevo la telefonata (ormai non ci speravo quasi più…), di una libreria, presso la quale avevo ordinato un libro; mezz’oretta più tardi sono in coda alla cassa e dopo questo signore toccherà a me. Solo che “questo signore” se ne inventa una, per rendermi più “gradevole” (e breve), l’attesa…: al momento di pagare, infatti, estrae dal portafoglio un biglietto da 50 e lo porge al cassiere; e fin qui, niente di strano...