Claude Monet – grande manipolatore di elementi

Per capire meglio questa affermazione, osserviamo i dipinti del grande Maestro della serie Waterloo Bridge…… Read More Claude Monet – grande manipolatore di elementi

Annunci

Marco Lodola – l’artista che…

… considera i critici d’arte un po’ psicanalisti, perché ogni volta che una sua opera andava al giudizio di un critico veniva contestualizzata ed il critico stesso spiegava a lui artista perché aveva fatto la tal cosa. Simpatico, no? Anche perché non sempre un artista nell’atto di creare si pone tante domande. A volte proprio i critici danno spiegazioni illuminanti per gli artisti stessi…… Read More Marco Lodola – l’artista che…

1 Dicembre – Il calore di una leggenda

Sono sempre stato affascinato dal popolo degli Eschimesi. Ricordo che, da bambino, quando il mattino ci sorprendeva, “regalandoci” un cortile coperto di neve (che, nottetempo, aveva “lavorato” per noi ragazzini, rendendoci felici…), io proponevo sempre di “giocare agli Eschimesi”, costruendoci un igloo. Ovviamente ci provavamo, ma ogni volta alle buone intenzioni seguivano risultati pessimi… Ma ci si divertiva lo stesso…

A distanza di tanti anni, se oggi, quando arrivano gelo e neve non faccio proprio i salti di gioia (penso al traffico in tilt, ai ritardi dei treni, agli aeroporti paralizzati, alla neve da spalare – povera schiena -, ecc. ecc.), mi capita ancora di chiedermi, di tanto in tanto, come si possa riuscire a vivere tra i ghiacci, alla “Eschimese”, appunto…… Read More 1 Dicembre – Il calore di una leggenda

Van Gogh, i suoi cieli e il suo tormento interiore

“… la vista delle stelle mi fa sognare …” scriveva Van Gogh; per lui dipingere le stelle è stata, ad un tratto della sua breve vita, quasi un’ossessione e attraverso i suoi cieli stellati, ci ha raccontato i segreti della sua anima, i suoi tormenti e contrasti interiori.

Van Gogh arriva al punto di affermare che la notte è decisamente più ricca di colori rispetto al giorno e per questo, spesso, passa le sue notti ad osservare il cielo.

Muore suicida giovanissimo (37 anni) dopo una vita tormentatissima e solitaria, durante la quale fatica a tessere rapporti sociali, l’unico suo vero confidente è il fratello Theo, con il quale ha un intenso rapporto epistolare. In pochissimi anni realizza più di 1600 fra disegni e dipinti e di questi riesce a venderne, in vita, solo uno. Solo dopo la sua morte ci si renderà conto dell'”immensità” di quest’artista.

Nei suoi cieli c’è una forte intensità espressiva del colore: il blu notturno in netto contrasto con il giallo delle stelle. Le pennellate sono pastose e decise, in alcuni quadri brevi, in altri allungate, come nella famosa Notte Stellata, dove diventano veri e propri vortici di luce, quasi a comunicare tutta la sua inquietudine.
Un’altro esempio del sapiente uso dei colori e della luce di cui Van Gogh era maestro è Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles, nel quale il gioco di rinvii cromatici crea una perfetta armonia. I blu ed i gialli contrastano sia in cielo che nelle figure architettoniche in primo piano nel quadro.
Infine La notte stellata sul Rodano, in cui l’artista riproduce dettagliatamente ciò che vede nell’oscurità: le stelle che si specchiano nel Rodano insieme all’illuminazione della cittadina. La loro luminosità si scontra con un cielo profondo, dipinto in sovrapposizione con il blu di Prussia ed il cobalto. La tela è tutto un luccichio.
Van Gogh è un pittore istintivo, secondo il quale: la pittura riproduce la realtà secondo un impulso primordiale attraverso i colori, tanto da affermare che la realtà è grigia ed è compito del pittore donarle il giusto colore.

I cieli di questo artista sono pervasi da un profondo senso di poesia, dove è tangibile la vitalità e la potenza dell’universo.

…Improvvisa,
la Notte,
la Sinfonia
di tutto ciò
che tace, ora,
nell’attimo
sublime,
che la vita concede
al Sogno,
beffandosi del cruccio
delle gioie mancate,
invidiose, o forse
soltanto figlie,
d’un palpito
di stelle…
Poesia tratta dalla Raccolta
“Le Parole sono stelle”
di Roberto Pellegrini… Read More Van Gogh, i suoi cieli e il suo tormento interiore