Moon

Occhio ciclopico celeste, dalla pelle argentata, luminosa se pur di luce riflessa e dai mille nomi nelle varie culture: Selene per i Greci, Diana per i Romani, Artume per gli Etruschi... Complice di segreti e di amori, sensuale e romantica, quasi timida nel mostrarsi, infatti per rotazione sincrona espone solo una parte di essa...

Luglio 1969-2019: la Luna è più vicina

Neil Armostrong, Michael Collins, Buzz Aldrin: astronauti. Prima ancora di sbarcare sulla Luna, questi tre eroi (più o meno uomini qualunque, almeno fino a quell’incredibile notte del 20 luglio 1969), erano già “sbarcati” nella Storia. E, questo, già solo per il fatto di essere stati scelti (e quindi addestrati), tra una nutrita rosa di candidati, per formare l’equipaggio dell’Apollo 11...

…la parola non basta!

Le parole non racchiudono in sé l’”essenza” delle cose, anzi: nella pratica Zen esse sono considerate, spesso, un elemento fuorviante, una sorta di sottile “distrazione” al raggiungimento della autentica e profonda “comprensione” della verità, proprio perché la parola può fermarsi soltanto alla “superficie”...

Luna d’estate…

É la stagione giusta: l’estate ci offre spesso l’occasione (o stuzzica... la voglia), di godere dello spettacolo di un cielo notturno…; quando la notte si fa più misteriosa, fascinosa, ammiccante… è inevitabile: gli occhi guardano insù!...

…Un orologio… in orbita!

"One small step for a man, one giant leap for mankind!"
(“Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità!”)

Quando, nella notte del 20 Luglio 1969, Neil Amstrong pronunciò questa celeberrima frase, sbarcando sulla Luna, a bordo dell’Apollo 11, qualcuno immaginò che, a partire da quello storico momento, lo spazio avesse iniziato a perdere il suo fascino, la sua “inviolabilità”…

Internet! Misterioso etere…

Rimanendo in tema con l'ultimo articolo che ho pubblicato (qui) torno a scrivere sulle oscenità del panorama attuale, ma questa volta sarà il web a finire nel mirino.

Internet! Misterioso etere, caposaldo dell'evoluzione, colonna portante dell'intelletto, simbolo di progresso. 20 anni fa nessuno lo avrebbe mai immaginato che da una tavoletta di vetro portante una mela mangiata sul retro, sarebbe stato possibile fare quello che siamo in grado adesso. Chi avrebbe mai detto che grazie a un po di silicio e stagno, sarebbe stato possibile avere una finestra sul mondo? Basti pensare che negli anni 80, un personal computer era a malapena in grado di reggere un semplice editor di testo. Siamo arrivati sulla luna nel1969 grazie a un Computer che era di poco più potente di una calcolatrice scientifica moderna: 152kByte.

WOW!

Sono passati meno di 50 anni da allora e... WOW! L'uomo è stato in grado di sviluppare PC sempre più potenti e circa 20 anni dopo l'atterraggio di Apollo 11 sulla luna, nasceva internet. Anche lui ha fatto passi da gigante. Non so quanti di voi hanno la fortuna di aver conservato un PC di inizio anni 90; provate a metterlo accanto al portatile che state usando per leggere questo articolo per rendervi effettivamente conto di quanto sia cambiato il panorama tecnologico.

Tutta la fatica di questi genii informatici ed elettronici però ha portato anche a cose non esattamente "costruttive". Ci tengo a ricordare che lo scopo iniziale di internet era l'informazione e lo scambio di dati in un lasso di tempo relativamente breve.

Siamo nel secolo tecnologico! Così lo definiscono gli "esperti", e razionalmente è così ma siamo proprio sicuri che la tecnologia del secolo tecnologico, sia un guadagno?

Una delle tante cose che contraddistingue l'uomo dall'animale è la produzione di spazzatura. L'uomo produce una quantità abominevole di spazzatura. Inizia da quando viene al mondo, con quelle bombe al gas dal nome in codice "Pannolino" e finisce di produrre spazzatura quando passa a miglior vita. In questo lasso di tempo ne produce una quantità incalcolabile. Niente di nuovo, lo ha sempre fatto! Vero ma adesso, grazie a internet, riesce a produrne ancora di più. È riuscito a inventarsi pure la spazzatura per neuroni che non è ne deperibile, ne riciclabile. Perchè la spazzatura non dev'essere necessariamente materiale, può essere anche metafisica.

Si sente spesso parlare di "contenuti" e questa parola, proprio come la parola "artista" (trattata nell'ultimo post) è stata usata in modo inadeguato e denigratorio. Facciamo una sorta di classifica nel tempo, da quando i PC e internet hanno iniziato ad essere presenti nel mercato di massa:

1980 - Spazzatura: pari a 0%

1990 - Spazzatura: pari al 2%

2000 - Spazzatura: pari al 30%

2010 - Spazzatura: pari al 90%

2017 - Spazzatura: pari a... "dato non pervenuto il calcolatore non è in grado di rispondere alla sua richiesta"

Siamo circondati da feccia, da spara balle, da notizie false, da spam, da video spazzatura ecc...

MONDOOO! Il tesseramento al Gruppo dei fancazzisti anonimi è aperto! Affluite numerosi, tanto la merda più la giri e più puzza. CIAO!