Il caveau di Dior e Dior Heritage

Una grande mostra al Musée des Arts décoratifs di Parigi, che resterà aperta sino al 7 Gennaio 2018 racconta i 70 anni della Maison, dalle origini sino i giorni nostri, attraverso le creazioni di Christian Dior e dei suoi successori, in una scenografia spettacolare. A pochi passi dalla sede centrale della Maison Dior, che si trova in Avenue Montaigne al 30, si apre lo scrigno delle meraviglie e delle memorie. Ma facciamo un passo indietro: l'archivio completo della Maison Dio è un luogo "segreto", dove, sotto l'attenta supervisione di Madame Soizic Pfaff, sono conservati 9840 pezzi tra abiti e accessori creati dal 1958 ai giorni nostri. Tutto è bianco, nitido e luccicante tranne il classico grigio-Dior delle scatole etichettate. La direttrice racconta che le scatole sono costruite su misura e senza colla per scongiurare il pericolo di esalazioni che con il tempo potrebbero rovinare i tessuti. Le cappelliere sembrano piccoli dischi volanti con quei 60 centimetri di diametro che permettono di stendere e sollevare con entrambe le mani protette dai guanti di cotone bianco anche i modelli a larghe tese...

Christian Dior Haute Couture A/W 2017/18

Maria Grazia Chiuri, ad un anno della sua nomina come Direttrice Creativa della Maison Dior, festeggia presentando una collezione Haute Couture Autumn/Winter 2017/18 alquanto affascinante, femminile e sofisticata, nonostante molti capi sembrino rubati al guardaroba maschile. Ricordiamo che M.G. Chiuri è la prima donna alla guida dell’importante casa di moda francese; l'hanno preceduta: Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons, dopo che Christian Dior morì solamente 10 anni dopo dalla fondazione del marchio, stroncato da un infarto...

L’incanto della Dior Haute Couture P/E 2017

La prima sfilata Dior Haute Couture presentata da Maria Grazia Chiuri è ambientata in una magica atmosfera in omaggio alla prima collezione presentata, nel Febbraio 1947, da Monsieur Dior, che presentò alla stampa novanta modelli nella foresta di Fontainebleau, a pochi chilometri da Parigi. Monsieur Dior rivoluzionò i canoni della moda facendo sbocciare le due donne-fiore con vitini sottilissimi e sottolineandone la femminilità. Dior scrisse nelle sue memorie: “Le pietre, gli alberi, gli esseri, un gesto meccanico, un raggio di luce trasmettono piccoli messaggi frammentati da cogliere all’istante“ Proprio da queste parole Maria Grazia Chiuri prende spunto e incanta con una collezione fiabesca. Come in tutte le fiabe non mancano le streghe total black, a seguire una serie di fate e principesse vestite con abiti dai toni delicatissimi che tolgono il fiato con ricami ricchissimi. Tutto è curato nei minimi particolari, tutto è mirato a rendere i look esageratamente sofisticati, tutto sembra incantare e far sognare. Trucco dove splendono stelle su zigomi, tempie e occhi; gioielli a tema e copricapi realizzati niente meno che da Stephen Jones. Un vero incanto!